Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Cartoceto, individuati i baby vandali: hanno tra i 10 e i 12 anni. Danni per decine di migliaia di euro – FOTO

Avevano danneggiato tre scuolabus e due auto causando danni per decine di migliaia di euro. Rossi: «Servono misure che perseguano finalità educative, ma che abbiano anche lo scopo di far comprendere la gravità di quanto commesso»

Baby vandali: danni gravissimi a 5 veicoli
Baby vandali: danni gravissimi a 5 veicoli

CARTOCETO – Avevano danneggiato tre scuolabus e due auto causando danni per decine di migliaia di euro. A distanza di due mesi le autorità sono riuscite ad individuare gli autori del gravissimo atto vandalico. Una scoperta shock visto che gli autori hanno un’età compresa tra i 10 e i 12 anni.

Baby vandali: danni gravissimi a 5 veicoli
Baby vandali: danni gravissimi a 5 veicoli

Ad annunciare la svolta delle indagini è stato il primo cittadino di Cartoceto Enrico Rossi: «Grazie al lavoro prezioso della polizia locale, sono stati individuati i responsabili dei pesanti danneggiamenti che, lo scorso 2 gennaio, hanno subito tre autobus destinati al trasporto pubblico locale, uno scuolabus e due auto poste sotto sequestro. Danni per decine di migliaia di euro, non possono essere il frutto di una semplice “bravata”. Ora non possiamo risolvere tutto con una pacca sulla spalla. Nei confronti di quei ragazzi con un’età compresa tra i 10 e i 12 anni, dei quali va certamente compreso il disagio delle famiglie, credo servano misure che perseguano finalità educative, ma che abbiano anche lo scopo di far comprendere la gravità di quanto commesso».

Baby vandali: danni gravissimi a 5 veicoli
Baby vandali: danni gravissimi a 5 veicoli

Gli atti vandalici purtroppo non sono un’eccezione sia nella Val Metauro che nelle zone limitrofe: «Non sembra esserci correlazione con i circa trenta casi di auto recentemente rigate – ha aggiunto il sindaco – Eventuali ulteriori episodi siano immediatamente segnalati alla polizia locale o ai carabinieri, dal momento che sono tutt’ora in corso approfondimenti e verifiche, grazie al contributo di alcuni testimoni. Spero che anche in questo caso, si possa risalire a coloro i quali saranno a chiamati a rispondere degli illeciti commessi».