Banco Marchigiano Risparmiolandia
Banco Marchigiano Risparmiolandia
Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Torna Candele a Candelara, la magia del Natale tra elfi, botteghe, presepi e fiammelle accese

Dal 26 novembre all'11 dicembre il Villaggio e l’Officina di Babbo Natale, artisti di strada e tante altre attrattive

Candele a Candelara (foto di Silvano Spadoni)

PESARO – Ritorna, dopo due anni di restrizioni e limitazioni, la festa più famosa e popolare del Natale: Candele a Candelara. Giunta alla sua 19esima edizione, rappresenta da quasi due decenni un affascinante e colorato appuntamento dell’inverno con il primo mercatino natalizio italiano dedicato alle candele. Una festa che, per la sua ambientazione e atmosfera unica, si contende il primato di consensi con i più blasonati e famosi mercatini del nord Italia. E quest’anno con tante novità.  

Candele a Candelara si svolgerà dal 26 novembre all’11 dicembre. Nei giorni di sabato 26 e domenica 27 novembre e ancora sabato 3 e domenica 4 dicembre per arrivare al ponte lungo dell’Immacolata per quattro giorni consecutivi giovedì 8, venerdì 9, sabato 10 e domenica 11. Come sempre il centro della festa è riservato al mercatino natalizio che si svolge nell’antico borgo medievale sulle colline attorno a Pesaro dove ogni sera la luce artificiale viene spenta per lasciare posto a migliaia di fiammelle accese. Un’atmosfera unica e suggestiva grazie a due spegnimenti programmati dell’illuminazione elettrica di 15 minuti ciascuno (alle 17.30 e 18.30).

Il video della scorsa edizione di Candele a Candelara

Per mezz’ora ogni pomeriggio Candelara (che deve il suo nome proprio alle candele), sarà completamente rischiarata dalla luce calda e rassicurante delle candele. Durante i due suggestivi appuntamenti, i visitatori non saranno più concentrati in un solo luogo ma, a seconda di dove ci si trova, le luci seguiranno le persone in una girandola di eventi diversi lungo tutto il circuito della festa e in totale sicurezza.

Da quest’anno Candele a Candelara sarà anche “plastic free”. Gli organizzatori della Pro Loco hanno deciso infatti di utilizzare materiale di riciclo e biodegradabile.

All’ingresso la Torre dell’avvento formata da quattro candele giganti che rappresenteranno ognuna un tema diverso legato alle domeniche che precedono il Natale. Come da tradizione dei paesi del Nord Europa, fatta propria dalla Chiesa cattolica, ad ogni week-end della festa verrà accesa una candela che rappresenta i temi dell’avvento. E così nel primo week-end verrà accesa “La candela del Profeta”; a seguire “La candela di Betlemme”; “La candela dei Pastori”; “La candela degli Angeli”.

In questa edizione la festa avrà, come da tradizione, spettacoli e animazioni che faranno da sfondo al magico evento. Tra queste i trampolieri luminosi; i folletti suonatori; i giocolieri; i suonatori di cornamusa.

Sarà inoltre possibile assistere dal vivo alla preparazione di candele, rigorosamente di cera d’api, come avveniva nel Medioevo. Nel mercatino di Candele a Candelara troveranno posto anche le sculture in ferro battuto. Si tratta di silhouettes ornate da centinaia di candeline che disegneranno i protagonisti del Presepe nella via del Borgo. La via dei Presepi sarà collocata quest’anno all’interno delle mura castellane.

Anche quest’anno funzionerà, ed anzi sarà potenziata con la sistemazione nella Sala del Capitano all’ingresso del Castello, la gettonatissima Bottega degli Elfi con i suoi laboratori dove centinaia di bambini potranno lavorare con diversi materiali (creta, cera, carta, legno) e realizzare addobbi e figure legate al Natale. I bambini potranno incontrare Babbo Natale nella sua casetta, fare una foto e consegnare direttamente una letterina con espressi i propri desideri.

Ci sarà come tradizione anche un’intera banda musicale formata da 35 Babbo Natale; oppure i tradizionali Babbo Natale con zampogne e cornamuse.

La presentazione dell’evento

Con un trenino sarà poi possibile effettuare un mini percorso di visite guidate partendo dalla suggestiva Pieve del XII secolo. Seconda tappa a Villa Berloni del Cinquecento (oltre alla visita guidata, sarà possibile prenotare pranzo e cena a lume di candela nella splendida villa), ed infine il Museo del telaio e del ricamo dove i visitatori potranno riscoprire l’antica tradizione della lavorazione di tessuti con telai dei primi del Novecento e conclusione del percorso all’ingresso della festa.

I visitatori potranno ammirare oltre settanta casette in legno che ospitano oggetti d’artigianato molto ben selezionati, articoli da regalo e candele d’ogni forma, colore, profumo e foggia. L’ingresso alla manifestazione sarà di 3,00 euro fino alle 13; dopo le 13 euro 5,00 (per i minori di 10 anni l’ingresso è gratuito).

Funzionerà una struttura riscaldata con i piatti della tradizione locale. Per organizzare al meglio l’arrivo ed il parcheggio dei pullman turistici è obbligatoria la prenotazione per meglio gestire la logistica.

Per ulteriori informazioni consultare il sito: www.candelara.com

Natale a Gradara