Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Calcio, weekend di derby. Vis-Fermana e Fano a Matelica

La Vis sfida la Fermana per dimenticare subito il ko di Arezzo. Il Fano scende a Matelica per provare a portare a casa i 3 punti

La Vis Pesaro in esultanza

Sarà un weekend ricco di due derby marchigiani in questa giornata del Girone B di Serie C. La Vis Pesaro ospiterà domani sera la Fermana in un inedito match serale alle 20:30. Il Fano sarà invece di scena in trasferta sul delicato campo del Matelica.

Alla vigilia della sfida contro i canarini, l’allenatore della Vis Pesaro Daniele Di Donato è intervenuto per parlare della sfida che attende la sua squadra. «Arriviamo a questa gara consapevoli delle nostre forze. Abbiamo resettato la gara di Arezzo, domani ci giochiamo qualcosa di troppo importante. Siamo pronti, chi scenderà in campo darà tutto per raggiungere l’obiettivo. La Fermana è una squadra battagliera che gioca sulle seconde palle».

Una gara importante per la Vis per il discorso salvezza. «Domani la prestazione deve essere tra le più importanti, con un risultato positivo. Noi dobbiamo far fede sulla nostra voglia e forza, se prima potevano essere finali, domani deve essere la finale delle finali. Se dovessimo far bottino pieno il risultato delle altre ci interessa relativamente».

Non giocherà tra le mura amiche il Fano ma la squadra di Alessio Tacchinardi è pronta per la trasferta di Matelica. Domani alle ore 15 l’Alma ha bisogno di iniziare a ritrovare punti importanti se vuole ancora sperare in una salvezza diretta senza passare dai playout. Alla vigilia della gara è intervenuto un ex della gara, ovvero il calciatore granata Stefano Cason. «È sempre emozionante giocare contro le tue ex squadre, soprattutto quando cambi squadra a campionato in corso. Sarà emozionante per me tornare a giocare all’Helvia Recina, e sicuramente sarà una motivazione in più per disputare al meglio la gara – ha detto Cason – Il Matelica è una squadra che ha detto la sua quest’anno da neo promossa, battendo anche squadre molto blasonate, e sicuramente il punto debole potrebbero essere i troppi gol subìti durante l’anno, ma d’altra parte ne hanno segnato tantissimi. Il reparto offensivo è quello che più deve preoccupare l’avversario».