Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

In bicicletta sulle tracce di Raffaello e Girolamo Genga, ecco il percorso nel Pesarese

Il sindaco di Vallefoglia Palmiro Ucchielli illustra il tracciato tutto da scoprire che collegherà i comuni di Urbino, Isola del Piano, Petriano

Montefabbri (Foto Fai)

PESARO – Un percorso per riscoprire, attraverso la mobilità sostenibile, i luoghi più importanti e caratteristici del territorio legati a Raffaello Sanzio e Gerolamo Genga, da quelli maggiormente conosciuti a quelli meno visitati della provincia.

Il sindaco della Città di Vallefoglia Palmiro Ucchielli e l’assessore allo Sport Mirco Calzolari, fanno sapere che nella seduta di Giunta Comunale è stata accolta la richiesta di concessione del patrocinio inoltrata dall’Associazione Sportiva Dilettantistica Montefeltro Adventure Bike and Walk per la realizzazione del progetto di ideazione e di tabellazione del percorso cicloturistico “Da Raffaello al Genga” che collegherà i Comuni di Urbino, Isola del Piano, Petriano e Vallefoglia.

Per quanto più direttamente riguarda il Comune di Vallefoglia, precisa il sindaco, il percorso toccherà diverse località caratteristiche del nostro territorio, tra cui Coldelce, Serra di Genga, Colbordolo e Montefabbri e potrà favorire una rilevante promozione turistica visto il grande successo e il numeroso seguito che il settore cicloturistico amatoriale sta riscuotendo in questi ultimi anni.

L’itinerario cicloturistico, che attraversa i luoghi più caratteristici dei quattro Comuni interessati, sarà opportunamente tabellato con apposita segnaletica indicante il percorso, le varie tappe, i luoghi più caratteristici da visitare. La spesa per la tabellazione sarà sostenuta in parti uguali dai Comuni di Isola del Piano, Petriano, Urbino e Vallefoglia, mentre la Provincia di Pesaro e Urbino coordinerà direttamente la programmazione e provvederà all’installazione della cartellonistica.

«Con la realizzazione di questo progetto l’Amministrazione Comunale di Vallefoglia – conclude il Sindaco – vuole dare continuità ad una politica di sviluppo concreto ed attuabile nel comparto turistico-culturale volto a promuovere il territorio ed aumentare l’offerta turistica favorendo la crescita economica degli operatori che operano nel settore valorizzando nel contempo le aree ambientali e paesaggistiche».