Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Biancani: «Tracciamento covid nelle scuole e centri vaccinazione, disagi e ritardi per carenza di personale»

Il consigliere regionale: «Va garantito a studenti e al personale in tempi rapidi. Oggi sono costretti a rivolgersi al privato pagando i tamponi»

PESARO – Tracciamento covid a scuola, segnalati ritardi e disguidi. Questione di carenza di organico. Il consigliere regionale Andrea Biancani si sta occupando della questione. «Diversi genitori e insegnanti mi hanno segnalato dei malfunzionamenti nel sistema di gestione dei contatti covid in contesto scolastico. Dopo l’individuazione di più casi positivi in una classe, il preside sospende le lezioni in presenza e gli studenti dovrebbero andare in fase di monitoraggio o quarantena, in attesa del tampone e di indicazioni da ASUR. Ad oggi però, tante classi, stanno ancora aspettando le disposizioni dell’ASUR. 

Con l’aumentare dei casi tra i ragazzi, in gran parte ancora non vaccinati, il ritardo di Asur, dovuto alla carenza del personale, nel dare disposizioni chiare alle classi sta creando notevoli disagi a famiglie e scuole, costrette a tenere a casa i ragazzi e impossibilitate e programmare le attività. 

La colpa, infatti, non è del personale di ASUR, ma del fatto che il servizio di prevenzione che segue il mondo della scuola è sotto organico, rispetto all’aumento dei casi. Per questo è fondamentale che la Regione aumenti il personale su questo servizio con l’obiettivo di arrivare a monitorare tutte le classi attualmente in didattica a distanza e dare disposizioni a quelle dove ci saranno positivi nel prossimo periodo. Gli obiettivi devono essere due: garantire la sicurezza e la salute di alunni e personale scolastico, e fare il più possibile didattica in presenza per non togliere alla scuola l’importante ruolo di aggregazione sociale che ricopre, e che è parte fondamentale della crescita dei ragazzi». 

Altro problema la necessità di due tamponi, uno quando viene rilevato il primo positivo, e uno per uscire dalla fase di monitoraggio o quarantena. Tali tamponi sono gratuiti per legge per personale e studenti, ma ad oggi, non essendo Asur attrezzata per soddisfare le domande nei tempi previsti, molti sono costretti a rivolgersi alle farmacie, pagandosi i tamponi. 

«Il problema dovrebbe trovare un’importante risposta, nella zona di Pesaro, con l’apertura, da me più volte sollecitata, del punto tamponi di Pesaro, al Mercato Ortofrutticolo di via Lombardia, che avrà una parte dedicata proprio ai tamponi scolastici. Occorre individuare altre sedi per dare risposta agli studenti del resto del territorio provinciale».

Segnalati disagi anche sui centri vaccini. «La Regione ha ridotto lo spazio per i prenotati per favorire la vaccinazione dei non prenotati, con il risultato che chi prova a prenotare trova posto dopo settimane, e quindi decide di andare senza prenotazione. Il personale si trova costretto ad aprire senza sapere quante persone si recheranno al centro, a dover calmare litigi per la precedenza tra prenotati e non e a fronteggiare la scarsità e assenza dei materiali necessari per le procedure. È evidente che va data priorità a chi si prenota aumentando i posti disponibili – chiude Biancani – Avremo nei prossimi giorni un ulteriore aumento di richieste di vaccinazioni vista la stretta nazionale sul green pass. Occorre mettere in campo una programmazione che garantisca sia velocità alle persone, sia la possibilità di organizzarsi al personale».