Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Basket, passo indietro VL. A Pesaro vince Trento

La Carpegna Prosciutto non conquista la prima vittoria stagionale casalinga. Alla Vitrifrigo Arena trova la sua prima vittoria stagionale in campionato la Dolomiti Energia Trentino

Tyler Cain, autore di 15 punti

PESARO- Una sconfitta che brucia per la Carpegna Prosciutto quella arrivata alla Vitrifrigo Arena contro Trento. Gli ospiti, arrivati a Pesaro con ancora zero punti in classifica riescono ad ottenere il loro primo successo stagionale in campionato. Per i biancorossi invece, dopo la bella vittoria di domenica scorsa sul campo di Venezia, non arriva la prima gioia sul parquet di casa.

Trento trova meritatamente la sua prima vittoria stagionale in campionato conducendo sin dal primo minuto contro una Pesaro in grave difficoltà realizzativa che chiude la partita con un pessimo 4 su 33 dall’arco (12%). E a fare la differenza è stato proprio il tiro da tre punti, con gli ospiti che chiudono con una buona percentuale grazie ad un 10/24 da 3 (42%).

«È stata la peggior partita da quando sono l’allenatore di questa squadra – esordisce così coach Repesa in conferenza stampa – la fisicità e l’atletismo di Trento non ci hanno permesso di giocare bene e la vittoria è tutta merito loro. I miei ragazzi hanno lottato fino in fondo. Sono un po’ arrabbiato perché abbiamo commesso degli errori banali su alcuni aspetti su cui avevamo posto la nostra attenzione nel corso della settimana».

Nel prossimo turno i pesaresi sono attesi dalla trasferta sul parquet di Roma per la sfida contro la Virtus: palla a due in programma alle 18:00 di domenica 25 ottobre.

CARPEGNA PROSCIUTTO BASKET PESARO – DOLOMITI ENERGIA TRENTINO: 57-71 (8-16, 16-15, 23-22, 10-18)

Pesaro: Massenat 6, Filloy 3, Cain 15, Robinson 7, Tambone 7, Basso ne, Serpilli ne, Filipovity 7, Zanotti 5, Delfino 7 All. Jasmin Repesa

Trento: Martin 8, Pascolo 5, Conti ne, Browne 8, Forray 5, Sanders 4, Mezzanotte ne, Morgan 9, Williams 15, Ladurner, Lechtaler ne, Maye 17 All. Nicola Brienza