Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Nel pesarese arrivano i cassonetti intelligenti: si pagherà solo per i rifiuti prodotti

Vallefoglia si prepara ad adottare questa nuova tecnologia: una via già usata con successo da diversi comuni italiani. Anche Montelabbate ha scelto questo metodo

Cassonetti intelligenti
Cassonetti intelligenti

VALLEFOGLIA – A Vallefoglia arrivano i cassonetti intelligenti grazie ai quali si potrà pagare solo per i rifiuti prodotti. Il progetto, approvato durante l’ultima seduta della giunta comunale, punta sull’ottimizzazione della raccolta in modo da incentivare i cittadini a produrre sempre meno rifiuti. Una scelta ecologica che avrà un impatto anche sul portafogli in quanto le tasse al riguardo saranno direttamente proporzionali agli effettivi rifiuti.

La proposta è stata redatta da Marche Multiservizi e permetterà di presentare un progetto rientrante nei fondi di finanziamento messi a disposizione dal Pnrr, Piano Nazionale Ripresa Resilienza pertanto senza costi per le amministrazioni comunali aderenti.

«Il sistema – ha precisato il sindaco Palmiro Ucchielli – consentirà di conseguire notevoli risparmi ai cittadini più virtuosi che produrranno meno rifiuti in quanto con il nuovo sistema di conferimento, che funzionerà tramite tessera o app di riconoscimento al momento di gettare l’immondizia, l’utente pagherà il servizio sulla quantità dei rifiuti effettivamente prodotti e non più come attualmente avviene in base alla superficie dell’abitazione e al numero dei componenti del nucleo familiare».

Un modus operandi già adottato con successo da diversi comuni italiani che si sono dotati dei cassonetti informatizzati e che potrebbe ben presto prendere campo anche in altre realtà. Nel pesarese anche Montelabbate ha deciso di munirsi di questa nuova tecnologia.

«Tale metodo conclude Ucchielli – permette di ottimizzare la raccolta differenziata con rilevanti benefici non solo economici a vantaggio dei singoli utenti ma anche in quanto consente di ottenere una rilevante riduzione della quantità dei rifiuti prodotti a vantaggio quindi di un minore inquinamento ambientale».

Unica falla del sistema già purtroppo riscontrata in alcune sperimentazioni. Purtroppo essendo tracciata l’immondizia che si produce e pagando solamente quanto effettivamente viene gettato c’è il rischio concreto che aumentino i rifiuti abbandonati abusivamente nelle strade di campagna e nei fossi: una sorta di evasione fiscale sull’immondizia. Come sempre, perché una tecnologia risulta virtuosa è necessario che questa vada di pari passo con il senso civico dei cittadini.