Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Arrestati 2 pusher al casello dell’autostrada. A Montecalvo la base dello spaccio di cocaina

I carabinieri del nucleo investigativo e operativo hanno bloccato gli spacciatori con 140 grammi di droga destinata a Borgo Massano. L’operazione scaturita dalla segnalazione di alcuni residenti

La cocaina sequestrata

PESARO – Arrestati due corrieri della droga con oltre 140 grammi di cocaina. Secondo gli inquirenti rifornivano l’entroterra pesarese.

Nel pomeriggio di domenica 11 ottobre 2020, a Pesaro, i militari del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale dei Carabinieri e del Nucleo Operativo della Compagnia di Pesaro, hanno arrestato due 35enni albanesi, disoccupati e residenti nella frazione Borgo Massano di Montecalvo in Foglia, trovati in possesso di complessivi 140 grammi di cocaina, alcune centinaia di euro provento dell’illecita attività e materiale utile al taglio e confezionamento dello stupefacente.

I due sono stati bloccati in prossimità del casello autostradale dal quale proveniva C.S., mentre T.M, che conduceva un altro veicolo, lo precedeva con ruolo ritenuto di “staffetta”, a protezione del carico di droga trasportato dal complice verosimilmente appena acquistato. La perquisizione del veicolo di C.S. ha portato al rinvenimento di due involucri, contenenti complessivamente 130 grammi circa di cocaina. È stato quindi bloccato il complice e perquisita l’abitazione di Borgo Massano, ove i due stavano alloggiando da alcuni mesi con regolare contratto di affitto. Lì, celati in più punti dell’appartamento, sono stati rinvenuti altri 10 grammi di cocaina, già suddivisa in dosi, nonché materiale per il confezionamento ed il taglio dello stupefacente, in particolare creatina, sostanza nota al più come integratore muscolare per l’attività sportiva.

L’operazione, scaturita dalla segnalazione di alcuni residenti della citata frazione, che lamentavano l’andirivieni di presumibili tossicodipendenti, si ritiene abbia interrotto una fiorente attività illecita che rischiava di minare la tranquillità tipica dei borghi di questa Provincia.
Proseguono le indagini dei carabinieri, dirette della locale Procura della Repubblica, volte a individuare eventuali ulteriori correi della coppia di indagati, attualmente ristretta presso “Villa Fastiggi”.