Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Pesaro, aggredisce cinque infermieri al pronto soccorso: sedato

L'azienda Marche Nord fa sapere che intraprenderà iniziative giudiziarie. Ferito un medico, previsto un minuto di sciopero simbolico

Il pronto soccorso di Pesaro
Il pronto soccorso di Pesaro

PESARO – Arriva in pronto soccorso e aggredisce gli infermieri a suon di pugni, calci e sputi. Protagonista un 23enne di Pesaro che mercoledì sera si è presentato in ospedale intorno alle 19.45 ubriaco e probabilmente anche sotto effetto di droghe. In un attimo, ha sferrato un pugno a un’infermiera, un altro a un infermiere, che cadendo a terra si è fratturato una spalla. Il giovane aggressore è stato poi pesantemente sedato e deve ancora svegliarsi.

Il 5 novembre alle 10 per un minuto gli operatori sanitari del Pronto Soccorso di Marche Nord incroceranno le braccia per protestare contro l’ennesimo episodio di violenza avvenuto al PS di Pesaro ieri sera e contro l’insostenibile situazione in cui versano tutti i PS italiani, che rischia di mettere in ginocchio l’intero SSN.

L’azienda intraprenderà dopo l’accaduto le «opportune iniziative giudiziarie». Il giovane, riferisce in una nota l’azienda Marche Nord, «si è scagliato contro il personale infermieristico ed il direttore Umberto Gnudi, intervenuti per soccorrerlo. Il fatto è accaduto a ridosso del cambio turno del personale; una volta entrato nei locali del Pronto Soccorso, dopo i primi accertamenti del caso, il ragazzo ha dato in escandescenze, insultando, graffiando e sputando all’infermiera, per poi aggredire un altro sanitario. Sembrava avesse una forza tale che i due operatori non riuscivano a controllarlo. Tanto che è stato necessario l’intervento di altri operatori e del Direttore del Pronto Soccorso, rimasto bloccato per un’ora e mezza solo sul paziente per sorveglianza visiva, mentre il reparto era gremito di persone, circa una trentina in attesa di assistenza. L’aggressione ha coinvolto cinque infermieri, di cui uno ha riportato un trauma alla spalla. A nulla è servito l’intervento di sedazione a breve durata: passato l’effetto del farmaco, il ragazzo ha ripreso ad aggredire il personale, tanto da dover rendersi necessario l’intervento delle Forze dell’Ordine».