Centro Pagina - cronaca e attualità

Osimo

Tumore al seno, ad Osimo quattro giornate di screening gratuiti

Dal 30 novembre al 14 dicembre, presso la sede della Croce Rossa, si potrà effettuare un esame gratuito al seno. Già tantissime le prenotazioni. La consigliera comunale Flamini, tra le organizzatrici: «orgogliosa di questa iniziativa».

OSIMO – La prevenzione può salvare la vita. Per questo motivo il Comune di Osimo in collaborazione con lo sportello InformaDonna e le associazioni “Noi come prima” e “Unite si può”, ha organizzato quattro giornate di screening gratuiti dal 30 novembre al 14 dicembre, presso la sede della Croce Rossa in via Molino Mensa.

I controlli saranno effettuati da medici specialisti dell’Azienda Ospedaliera di Torrette, mentre nella giornata del 14 dicembre sarà possibile effettuare una visita dermatologica a cura dello Staff Breast Unit dell’Asur Area Vasta 2, sempre in maniera gratuita.

Tantissime le prenotazioni già pervenute, 140 in pochissimi giorni, esaurendo di fatto i posti disponibili, a testimonianza dell’importanza che il test di controllo al seno può avere nella lotta contro i tumori. «Viste le numerose adesioni sicuramente organizzeremo nei prossimi mesi altre giornate dedicate alla nostra salute», ha dichiarato il sindaco di Osimo Simone Pugnaloni.
Grazie agli screening ogni anno la sanità marchigiana riesce infatti a salvare la vita di tanti cittadini, garantendo cure appropriate e soprattutto tempestive.

«Sono orgogliosa di questa iniziativa – ha commentato la consigliera di maggioranza Eliana Flamini – ho proposto il progetto e grazie al supporto del Sindaco e di tutti i collaboratori medici siamo riusciti ad organizzarlo. Ringrazio davvero di cuore gli Enti e i Medici che hanno accettato la proposta fatta e ci daranno ore del loro professionismo per supportare le nostre concittadine. Mi auguro che questa possibilità aiuti quante non hanno potuto partecipare agli screening del mese di Ottobre o che semplicemente vogliono fare un controllo. Prevenire è importante e noi ci crediamo».