Centro Pagina - cronaca e attualità

Osimo

Trecento persone alla cena di solidarietà del Comune

Tanti cittadini hanno risposto all'invito dell'Amministrazione Comunale per la cena natalizia presso il salone della Misericordia. Parte del ricavato sarà destinato all'acquisto di pacchi viveri da destinare a famiglie osimane in difficoltà

OSIMO – Almeno trecento cittadini osimani hanno partecipato alla cena di solidarietà organizzata dall’Amministrazione Comunale presso il Salone della Misericordia di Osimo. Il ricavato della serata (con quota d’ingresso di 16 euro) verrà utilizzato dal Comune per acquistare dei pacchi viveri da destinare a famiglie osimane indigenti, individuate dai servizi sociali locali.

Il vicesindaco Pellegrini nelle vesti di cameriere

La cena è stata preparata e servita da un nutrito gruppo di volontari, tra cui anche assessori e consiglieri di maggioranza che hanno partecipato all’organizzazione dell’evento. Erano presenti, tra gli altri, il Presidente del Consiglio Comunale Paola Andreoni, i Presidenti di Astea Fabio Marchetti e della Asso Luigi Giacco, gli assessori Gatto, Pagliarecci, Bernardini, Andreoli e Pellegrini, quest’ultimo nelle insolite vesti di cameriere ai tavoli. Soddisfatto per la buona riuscita della serata il sindaco Simone Pugnaloni. «Devo ringraziare le 300 persone che hanno partecipato a questa cena di solidarietà organizzata dall’Amministrazione Comunale – ha dichiarato il sindaco – vogliamo far passare un Natale sereno a coloro che probabilmente avranno difficoltà a trovare un pasto dignitoso sulla propria tavola in questi giorni di festa. Allora tolti i costi della serata, tutto quello che rimane andrà alle famiglie osimane che oggi si trovano in difficoltà, che hanno figli e che magari hanno perso il posto di lavoro. Un grazie

Il sindaco Simone Pugnaloni

speciale va anche a tutti i volontari che anzichè passare una serata in famiglia si sono dedicati prima alla cucina e poi a servire ai tavoli». Il primo cittadino osimano ha ribadito la volontà dell’Amministrazione di investire non solo in opere pubbliche ma anche nel potenziamento dei servizi sociali. «Il 2018 sarà l’anno del sociale – ha dichiarato il Sindaco – abbiamo trovato un tesoretto che verrà destinato alle persone con disabilità, agli anziani e ai meno abbienti, magari anche con una borsa lavoro per poterli ricollocare nel mondo del lavoro».