Osimo, sequestrati 7 chili di marijuana

Sono scattate le manette per tre persone trovate in possesso di sostanze stupefacenti. Nella loro abitazione i carabinieri hanno trovato anche 600 grammi di cocaina e diversi bilancini di precisione

Carabinieri
Carabinieri

OSIMO – Sono scattate le manette oggi, 31 ottobre, per tre persone trovate in possesso di sostanze stupefacenti. Nella loro abitazione, i carabinieri hanno trovato 7 chili di marijuana e 600 grammi di cocaina. C’erano anche diversi bilancini di precisione.

In arresto un italiano e due albanesi. L’operazione è partita da Osimo e si è svolta anche nei Comuni di Recanati e Civitanova Marche. In corso di aggiornamento le indagini da parte dei carabinieri della Compagnia di Osimo coordinati dal maggiore Luigi Ciccarelli.

Il maxi sequestro di droga rientra nell’ambito dei controlli potenziati in tutta la Valmusone e Riviera del Conero a contrasto dello spaccio di stupefacenti.

Ieri sera, 30 ottobre, i militari si trovavano in una via di Recanati dove hanno notato due persone appostate. Si stavano passando un involucro di medie dimensioni e poi si sono allontanate subito, ognuna con il proprio mezzo, una Seat Ibiza e un motociclo che si è diretto verso Civitanova.

È scattato subito il controllo dell’uomo in macchina, albanese di 45 anni. Nella sua abitazione e nelle pertinenze i militari hanno trovato 500 grammi di cocaina suddivisa in sette involucri nascosta nello spazio ricavato nello zoccolo del mobile in legno sotto il lavabo del bagno, i sette chili di marijuana suddivisi in cinque involucri in un valigia nella mansarda dello stabile nascosta sotto un mucchio di effetti personali, e tre bilancini di precisione funzionanti nel mobile del bagno.

Altri militari, nel frattempo impegnati nell’inseguimento dell’altra persona allontanatasi con il ciclomotore, giunti a Civitanova hanno notato che l’uomo al volante passava lo stesso involucro ad un terzo soggetto: intervenuti hanno visto che dentro c’erano 100 grammi di cocaina. Quello che cedeva era l’altro albanese, 30enne, e l’acquirente l’italiano, 64enne. Il primo a casa aveva mille bustine per confezionare la droga. I tre sono stati arrestati appunto con l’accusa di spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio e portati a Montacuto.