Osimo aderisce all’Asteroid day con la scienziata Francesca Faedi

Per la giornata mondiale degli asteroidi, celebrata in tutto il mondo il 30 giugno, oggi alle 18 alle grotte del Cantinone, l’incontro con l'astrofisica di origini marchigiane, finalista premio internazionale “Donna dell’anno 2019”

OSIMO – A pochi giorni dall’insediamento del Consiglio comunale e del giuramento del sindaco Pugnaloni, che avvia ufficialmente il secondo mandato, Osimo traccia la sua vocazione globale aderendo all’Asteroid day, giornata mondiale degli asteroidi celebrata in tutto il mondo il 30 giugno. Si svolge infatti oggi, domenica, alle 18 alle grotte del Cantinone, l’incontro con Francesca Faedi, astrofisica di origini marchigiane, finalista premio internazionale “Donna dell’anno 2019”, e tra i pochi esperti al mondo ad occuparsi di esopianeti e di transiti planetari attorno a nane bianche. Una scelta non casuale: la scienziata vive a Mombaroccio, Paese di Guidobaldo Del Monte, figura storica fondamentale sia per la carriera di Galileo Galilei, padre della scienza moderna, sia per aver contribuito a rendere Urbino, quindi le Marche, culla del rinascimento scientifico.

Il titolo, già evocativo, “Le Marche e lo spazio: quali asteroidi?”, si interroga su quale nesso possa esistere tra ambiti apparentemente distanti. La scienziata Faedi condurrà i presenti alla scoperta di asteroidi dedicati ad illustri marchigiani i cui contributi hanno reso grande il territorio regionale. Un territorio che, favorendo reti tra Comuni partendo da Osimo, potrebbe crescere in termini di attrattività e marketing territoriale. Per fare questo serve un luogo: “OsimoLab”, progetto strategico del secondo mandato Pugnaloni, comprende anche il tema della divulgazione scientifica e quindi potrà essere anche un laboratorio ed elaborazione di idee in questa direzione.

L’evento, organizzato in collaborazione con la Asso, vede la partecipazione dell’amministrazione comunale con l’assessore allo Sviluppo economico, Ambiente e Turismo Michela Glorio e nasce su proposta di Frida Paolella, consigliere comunale con delega alle politiche europee, e OsimoLab, che introdurrà l’iniziativa come base di partenza per una progettualità di territorio dove favorire contaminazioni tra cultura, scienza, arte, creatività, manifattura e innovazione. Un progetto a vantaggio di tutti dove, partendo da Osimo, potrà trovare spazio il contributo di istituzioni, scuole, associazioni di categoria, giovani generazioni e di tutti coloro che desiderano rafforzare l’immagine delle Marche anche come terra dove la bellezza incontra la scienza.