Centro Pagina - cronaca e attualità

Osimo

Raddoppia il lavoro all’ospedale di Osimo: il personale si attrezza

Non solo Covid, il nosocomio osimano "Ss. Benvenuto e Rocco" sotto l'Inrca di Ancona si organizza e crea nuovi posti letto utili in caso di criticità

L'ospedale SS Benvenuto e Rocco di Osimo

OSIMO – All’ospedale “Ss. Benvenuto e Rocco” di Osimo la situazione Covid è sotto controllo ma il personale medico sta correndo lo stesso ai ripari nell’eventualità in cui la situazione dovesse peggiorare. L’aumento di pazienti positivi all’Inrca di Ancona (sotto cui si trova l’ospedale osimano) ha spinto i vertici ad accorpare la Chirurgia trasferendola, in forma temporanea, proprio nell’ospedale di Osimo. Tutta l’attività del Dipartimento Chirurgico, diretta dal direttore unico Gianfranco Boccoli, sarà ricondotta ai casi non indifferibili, gli altri sono stati per ora rinviati. Oltre alla Chirurgia, si sta spostando ad Osimo la struttura operativa del Piede Diabetico. Durante la prima ondata pandemica invece era stata spostata l’Urologia.

Il primario del pronto soccorso, il dottor Adolfo Pansoni, lo conferma e aggiunge: «Abbiamo aperto la Pneumologia per sei-sette posti letto che servono per decongestionare il punto di primo intervento al piano terra del nostro nosocomio dove c’è massima affluenza perché in questo momento ci sono sia pazienti Covid che altri affetti da diverse patologie. Il lavoro è raddoppiato e per questo abbiamo aperto quello “sfogo”, quei posti letto utili sia per la Chirurgia che per la Medicina interna oppure per l’Accettazione Geriatrica se dovessero mandarci pazienti». Proprio in queste ore è stato trattato un paziente Covid a Osimo, subito trasferito all’Inrca. Il dottor Pansoni poi, primo vaccinato, si è sottoposto al richiamo vaccinale l’altro giorno (18 gennaio).

Sono aperte intanto le registrazioni per il tampone gratuito in programma domenica 24 gennaio e lunedì 25 al Palaolimpia di Castelfidardo per i residenti nella città della fisarmonica e di Camerano, Numana e Sirolo. «In poche ore sono stati prenotati circa la metà dei posti disponibili, 1800 circa. Grazie a tutti per l’adesione importante a questa iniziativa perché consentirà di monitorare meglio e ridurre la diffusione del virus. Non era scontato – informa il sindaco Roberto Ascani -. Vista l’enorme quantità di chiamate ricevute, il numero telefonico messo a disposizione non sempre è stato libero ma dove possibile abbiamo richiamato i cittadini e la semplicità della piattaforma di prenotazione ha compensato il disagio. Anche senza prenotazione saranno effettuati i tamponi a tutti e cercheremo di aiutare le persone che non riescono a prenotare da sole. Chiaramente le postazioni a servizio saranno in numero tale da soddisfare tutte le esigenze previste». I casi positivi a Castelfidardo continuano a scendere, oggi sono 36.

In attesa dello screening di massa che coinvolgerà i filottranesi al Palabaldinelli di Osimo (assieme agli osimani), domenica 24, lunedì 25 e martedì 26, la giunta Giulioni di Filottrano ha deciso di mettere a disposizione i saturimetri per le famiglie con almeno una persona dai 65 anni in su. Per il ritiro i cittadini interessati potranno recarsi in una delle farmacie presenti nel territorio comunale. Dopo lo stop per la pandemia poi, riparte lo sportello di consulenza pedagogica gratuito con Paola Cosolo Marangon.