Centro Pagina - cronaca e attualità

Osimo

A Osimo il piano regolatore sarà partecipato

È stato pubblicato il bando esplorativo per la revisione del Prg della città. Primo passo con i cittadini la pubblicazione di un bando esplorativo che permetterà a ciascuno dei cosiddetti stakeholders di formulare proposte di rivisitazione per retrocedere aree edificabili

La riunione in Comune
La riunione in Comune

OSIMO – È stato pubblicato il bando esplorativo per la revisione del Prg della città di Osimo. «Sarà un piano regolatore partecipato perché rispetterà gli enti sovraordinati e porrà fine al contenzioso con la Provincia. Costruiremo un percorso condiviso verso un’adozione preliminare di un nuovo Prg che rispetterà le osservazioni della Provincia e dei nostri concittadini», ha detto il sindaco Simone Pugnaloni in Comune con gli assessori all’Urbanistica Annalisa Pagliarecci e al Bilancio Mauro Pellegrini.

Primo passo con i cittadini la pubblicazione di un bando esplorativo che permetterà a ciascuno dei cosiddetti stakeholders di formulare proposte di rivisitazione per retrocedere aree edificabili, traslare o trasferire la capacità edificatoria, promuovere azioni generali di modifica e tanto altro.
Le istanze dovranno essere indirizzate al sindaco ed inviate mediante Pec del Comune o in carta semplice all’ufficio protocollo.

«Sarà anche sostenibile perché improntato al rispetto dell’ambiente ed alla rigenerazione urbana cercando di riqualificare l’esistente – continua il primo cittadino -. Un prg che per la prima volta vedrà protagonista un Piano del verde, della mobilità sostenibile e di abbattimento delle barriere architettoniche. Un prg che finalmente vedrà tracciata la variante a Nord alla strada 361 con finanziamenti già in parte pervenuti e che vedranno la rivisitazione più generale del Piano urbano del traffico. Una nuova stagione che vedrà protagonisti i cittadini di Osimo, le categorie e l’associazionismo. Un team qualificato guiderà la parte tecnica e servirà alla politica tutte le indicazioni utili per fare le scelte finali. La giunta sarà con me chiamata ad esprimersi ogni qualvolta ci sarà un passo importante e lo farà in mezzo alla gente con riunioni nei quartieri e convocando le consulte Ambiente e Territorio, Attività produttive e Sociale».