Centro Pagina - cronaca e attualità

Osimo

Osimo, il sindaco dialoga con il ministro Gualtieri sulla variante alla ss361

«Il nostro sogno è completare la variante a nord alla statale e con il Recovery fund è possibile. Le infrastrutture sono proprio uno dei filoni che l'Europa finanzierà per far ripartire l'economia», ha detto il primo cittadino Simone Pugnaloni

Il ministro Gualtieri con il sindaco Pugnaloni
Il ministro Gualtieri con il sindaco Pugnaloni

OSIMO – Dopo aver fatto tappa al teatro “La Nuova Fenice” di Osimo giovedì 27 agosto, il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, in visita in città per l’incontro con il candidato del centrosinistra alla presidenza della Regione Marche Maurizio Mangialardi, si è intrattenuto in Comune con il sindaco Simone Pugnaloni.

«Il nostro sogno è completare la variante a nord alla statale 361 e con il Recovery fund è possibile. Le infrastrutture sono proprio uno dei filoni che l’Europa finanzierà per far ripartire l’economia. Grazie per aver scelto la mia città per questo importante manifestazione», ha detto il primo cittadino. La variante costituisce una rete viaria importante per la città e per i Comuni limitrofi e per essa le risorse del Recovery potrebbero essere fondamentali.

«Mi inorgoglisce la scelta di Osimo e del nostro teatro da parte del Ministro – ha continuato Pugnaloni, affermandolo proprio in teatro -. Una scelta simbolica che ci ricorda che l’Italia è quel Paese delle mille capitali di cultura. Il teatro è simbolo per eccellenza del sapere, sapere che può essere, storia, identità e futuro. La storia per noi è la nostra Costituzione, sono i nostri valori antifascisti e le battaglie per affermare ogni libertà, i diritti al lavoro ed alla salute e sancire il principio dell’eguaglianza sostanziale e non solo formale. L’identità per noi è lo sviluppo economico del nostro Paese, dei nostri territori. Una civiltà contadina che ha passato il testimone all’industria ed oggi e per le future generazioni sarà innovazione tecnologica, impresa creativa e digitale. Il futuro è le Marche d’Europa. Ringrazio di nuovo il Ministro e Mangialardi che insieme rappresentano la nostra idea di una Regione forte in Italia ed in Europa. Ciascuno di noi sindaci presenti potrebbe avere un sogno nel cassetto da realizzare, che sia anche volano per l’economia del proprio territorio».

Il Ministro, per la prima volta in città, ha visitato palazzo Campana dove è esposta la mostra su Keith Haring e le grotte prima di entrare a teatro.