Casa del Materasso Jesi
Casa del Materasso Jesi
Centro Pagina - cronaca e attualità

Osimo

Garden Europa Azienda Florovivaistica
Garden Europa Azienda Florovivaistica

Osimo, niente più screening del tumore al poliambulatorio

La denuncia arriva dal consigliere comunale di Progetto Osimo futura Achille Ginnetti

OSIMO – Il 2023 inizia con un’ennesima “tegola sanitaria” sui cittadini osimani. Riguarda lo screening per la prevenzione e la diagnosi precoce dei tumori intestinali. La denuncia arriva dal consigliere comunale di Progetto Osimo futura Achille Ginnetti: «Ad Osimo le provette si ritirano nelle farmacie – spiega il leader di Progetto Osimo – poi venivano consegnate al poliambulatorio dove si provvedeva a inviarle al laboratorio analisi, questo fino a dicembre scorso. Ora chi vuole sottoporsi allo screening deve consegnare le provette a Castelfidardo, Camerano o Loreto non più a Osimo». Sarebbe andato in pensione l’addetto che aveva il compito di etichettare le provette. «Sicuramente le motivazioni per il mancato rimpiazzo potrebbero esser legate alla carenza cronica di personale sanitario e amministrativo che non viene sostituito – continua Ginnetti -. Ma questo servizio non può essere interrotto, l’importanza di trovare una lesione precancerosa o un tumore in fase iniziale è immensa, ne va della qualità e quantità della vita di ognuno di noi. I vertici della neonata Ast2 lo sanno benissimo e confido che presto il servizio venga riattivato».

La prevenzione

La campagna di prevenzione oncologica dei tumori del colon è attiva da anni, i cittadini sopra i 50 anni sono invitati ad effettuare il test del sangue occulto nelle feci ogni tre anni. In alternativa, conclude Ginnetti, l’etichettatura delle provette, due-tre ore per settimana al massimo, potrebbe essere svolta da cittadini volontari (lo stesso consigliere comunale si dice disponibile a svolgere il servizio gratuitamente) senza caricare ulteriormente il personale dipendente.

agrturismo il gelso fabriano