Centro Pagina - cronaca e attualità

Osimo

Osimo, pronto il nuovo regolamento per i dehors

Il consiglio comunale discuterà le modifiche da applicare agli spazi esterni: le misure verranno applicate fino al termine di ottobre, salvo proroghe dello stato di emergenza

OSIMO – Il Comune di Osimo si sta mobilitando per aiutare gli esercizi commerciali della città. Il regolamento comunale per l’installazione di dehors sarà modificato domani pomeriggio (27 maggio) in Consiglio comunale.

Lo vuole l’emergenza Covid-19 e i commercianti che hanno visto ridotto gli introiti e gli spazi. In sostanza il Comune dovrebbe dare l’ok con apposita delibera all’allargamento delle strutture precarie esterne e all’installazione di nuove. Dehors, strutture amovibili, elementi di arredo urbano, attrezzature, pedane, tavolini, sedute ed ombrelloni. Fino al 31 ottobre le domande di nuove concessioni per l’occupazione di suolo pubblico, cioè di ampliamento delle superfici già concesse, devono essere presentate in via telematica all’ufficio competente dell’Ente locale, con allegata la planimetria.

Queste misure saranno valide appunto fino al 31 ottobre, salvo proroghe dello stato di emergenza eventualmente dichiarate dal Consiglio dei Ministri. Per promuovere la ripresa delle attività turistiche, danneggiate dall’emergenza, le imprese di esercizio pubblico sono esonerate dal primo maggio fino al 31 ottobre dal pagamento della tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche (Tosap). In corso d’opera il Comune dirà anche sì ad accordi o ad eventuali altre forme di collaborazione tra esercenti, titolari dell’autorizzazione per la somministrazione di alimenti e bevande, per realizzare in vista dell’estate modelli di cooperazione per il rilancio in forma associata delle singole attività produttive.

Nel frattempo l’appello del sindaco Simone Pugnaloni in vista del prossimo weekend di movida, il secondo dopo il lockdown: «Aiutiamoci a non tornare indietro, rispettiamo le regole, le distanze, portiamo le mascherine. Per non tornare indietro serve uno sforzo ancora».