Centro Pagina - cronaca e attualità

Osimo

Osimo, l’opposizione chiede aiuto per le case di riposo

La pandemia ha “scoperchiato” una situazione che si è fatta ancora più critica con il passare dei mesi e adesso pesa sulla città nel contesto post emergenziale

La Sala Gialla di Osimo rinnovata per il ritorno dei consiglieri
La Sala Gialla di Osimo rinnovata per il ritorno dei consiglieri

OSIMO – Le difficoltà economiche in cui versa in particolare la casa di riposo Recanatesi di Osimo approderanno in Consiglio comunale venerdì 29 aprile con un ordine del giorno di proposta dei consiglieri Bordoni, Antonelli, Simoncini, Sabbatini, Araco e Bottegoni che chiedono al Comune di aiutare la fondazione che si occupa di anziani. La pandemia ha “scoperchiato” una situazione che si è fatta ancora più critica con il passare dei mesi e adesso pesa sulla città nel contesto post emergenziale. Sulla questione è intervenuto anche il consigliere di Progetto Osimo futura, il dottor Achille Ginnetti: «Ad Osimo l’offerta di posti in residenze per anziani è notevole sia per la quantità che, soprattutto, per la qualità. Accanto a un’azienda pubblica dei servizi alla persona, la Grimani Buttari, eccellenza riconosciuta non solo al livello regionale, abbiamo le Residenze del Bambozzi e del Recanatesi, entrambi fondazioni quindi giuridicamente private ma questa differenza giudica non impedirebbe che si possa arrivare ad una vera e propria omogeneizzazione organizzativa e logistica partendo da una progressiva inclusione di servizi per arrivare a un’unica governance gestionale. Ciò contribuirà a ottimizzare i costi e fornire agli ospiti un servizio migliore, che in fondo è quello che interessa di più». Il Comune tramite il sindaco prende atto della questione e si riserva di affrontarla durante il civico consesso.