Centro Pagina - cronaca e attualità

Osimo

Osimo, opere pubbliche per 20 milioni di euro nel bilancio di previsione

Dall'edilizia scolastica alla cultura fino alla sicurezza, sono tanti i capitoli inseriti nel bilancio 2021-2023 per altrettante opere da realizzare

L'assessore alla Polizia Federica Gatto e il sindaco Simone Pugnaloni
L'assessore alla Polizia Federica Gatto e il sindaco Simone Pugnaloni

OSIMO – La giunta osimana ha approvato il bilancio di previsione 2021-2023, un piano ambizioso di opere pubbliche da 20 milioni di euro. Tre milioni e centomila euro sono a bilancio per una parte della variante a nord – Sbrozzola, un milione e centomila per la parte del Mc Neil. Due i milioni di euro per la nuova scuola primaria a Campocavallo e altrettanti per un nuovo palascherma.

Grande l’attenzione allo sport con il restyling dello junior tennis per 300mila euro, il nuovo campo calcio ad 8 a Passatempo per 200mila euro e la sistemazione della piscina centomila euro. A un milione di euro ammontano i lavori di rifacimento dei plessi del San Carlo, mezzo milione quello per il terzo piano del maxiparcheggio, il restyling del palazzo ex Eca 350mila e la vulnerabilità sismica del palazzo municipale tre milioni di euro. Sul fronte cultura ci sono i 400mila euro per l’auditorium dell’ex Concerto, il ridotto della Nuova Fenice negli ex magazzini Campanelli (350mila euro), il museo del Covo per 500mila, l’acquisto dei locali per la nuova biblioteca un milione, la valorizzazione delle grotte del Campana (200mila euro) e il restyling dei Tre Archi 400mila. 900mila euro per strade, scuole, verde, fossi, fognature, cimiteri e impianti sportivi.

«Al lavoro subito per le progettazioni finalizzate all’ottenimento dei mutui e per avviare le gare per le opere finanziate dagli enti sovraordinati – afferma il sindaco Simone Pugnaloni -. Il 2021 è un anno centrale per il mandato. Il “Rinascimento osimano” è alle porte».

Centomila euro saranno investiti per l’acquisto di nuove telecamere, la maggior parte della quali ocr, capaci cioè di leggere le targhe. «Sarà potenziata la centrale operativa, adeguandola alle nuove necessità: il sistema di videosorveglianza è già dotato di 84 telecamere, quindi sarà necessario potenziare i software di gestione – afferma l’assessore alla Polizia Federica Gatto -. Il Comune ha ottenuto recentemente l’approvazione, da parte della Prefettura di Ancona, del progetto comunale di interconnessione delle telecamere ocr con il “Sistema centralizzato nazionale transiti” del ministero dell’Interno, il primo nella Provincia. Ciò consentirà alla Questura dorica di individuare le targhe di auto rubate e smarrite, dei veicoli non revisionati e di interesse della polizia giudiziaria transitate nel comune di Osimo. Senza tale interconnessione non sarebbe possibile aderire al progetto “Marche smart view”. In questi ultimi sette anni sono stati investiti oltre 350mila euro in videosorveglianza e il Comando di Polizia locale accoglierà tre nuovi agenti entro la fine dell’anno, un mezzo allestito e il restyling della caserma».

Entro l’anno, grazie al project financing per cambiare a led tutta l’illuminazione pubblica di Osimo, saranno installati nuovi attraversamenti pedonali luminosi sul territorio comunale, dal centro alle periferie, e la segnaletica verticale sarà potenziata con pannelli luminosi ad alto impatto, di fondamentale importanza per la sicurezza stradale.