Centro Pagina - cronaca e attualità

Osimo

Il Comune di Osimo amplia l’organico: in arrivo nuovo personale

Scadono il primo ottobre gli avvisi di mobilità esterna volontaria per inserire all’interno del municipio nove istruttori amministrativi, due istruttori tecnici e sei agenti di polizia locale

Il Comune di Osimo
Il Comune di Osimo

OSIMO – Al Comune di Osimo arrivano rinforzi. Scadono il primo ottobre gli avvisi di mobilità esterna volontaria per inserire all’interno del municipio nove istruttori amministrativi, due istruttori tecnici e sei agenti di polizia locale per un totale di 17 persone da distribuire nei vari dipartimenti.

Un investimento in risorse umane, atteso da anni, che consentirà di essere più efficaci ed efficienti nella gestione delle pratiche amministrative e di erogare migliori servizi alla città.

L’assessore alle Attività produttive Michela Glorio afferma: «Un primo, importante passo, che detta la direzione verso la quale il sindaco Simone Pugnaloni e la Giunta intendono avviarsi per garantire il buon funzionamento della “macchina comunale”. Siamo fiduciosi sull’arrivo di personale formato da altri enti e allo stesso tempo l’ufficio personale sta lavorando ai bandi di concorso che usciranno presumibilmente nel mese di ottobre per assumere i profili non coperti con le mobilità volontarie».

C’è una protesta in corso da parte di alcuni professionisti e che riguarda proprio la velocizzazione delle pratiche che potrebbe essere migliorata con l’arrivo di nuovo personale: «Prima del Covid per accedere ai documenti catastali si impiegavano dalle tre alle cinque settimane. Durante il periodo di lockdown l’ufficio è rimasto chiuso praticamente per due mesi, quindi ad oggi abbiamo un ritardo di tre mesi minimo per accedere a una visura ed estrarre pratiche – dice un ingegnere -. Mi chiedo, non si riesce ad avere un archivio digitale (come tra l’altro hanno fatto diversi comuni limitrofi) in modo da velocizzare il tutto o quantomeno potenziare il personale dato che paghiamo? Vorrei richiamare l’attenzione di chi di dovere affinché si prodighi in tal senso».