Centro Pagina - cronaca e attualità

Osimo

Osimo, al via i “Progetti del cuore”: mobilità gratuita e assistenza

Al via un progetto che prevede la messa a disposizione di un Fiat Ducato attrezzato per lo spostamento dei ragazzi in difficoltà, delle famiglie e delle persone diversamente abili del territorio. A beneficiare dell’automezzo è l’azienda speciale del Comune Asso

OSIMO – È in partenza a Osimo un progetto che prevede la messa a disposizione di un mezzo di trasporto, un Fiat Ducato, completamente attrezzato per lo spostamento dei ragazzi in difficoltà, delle famiglie e delle persone diversamente abili del territorio. A beneficiare dell’automezzo è l’azienda speciale del Comune Asso che avrà a disposizione il mezzo per il trasporto di coloro che sono in stato di necessità.

Il progetto per l’Ambito distrettuale 13 fa parte dei “Progetti del cuore” sostenuti da Annalisa Minetti, per garantire il servizio di trasporto sociale gratuito ai ragazzi, i disabili, gli anziani e alle famiglie in difficoltà di Osimo. Si avvia così il servizio di mobilità gratuita che permetterà di avere il mezzo attivo sul Comune, attrezzato e garantito in maniera integrale. La Asso potrà gestire gli spostamenti dei tanti ragazzi e disabili che ogni giorno hanno bisogno di assistenza per i servizi di trasporto.

«Questo nuovo mezzo sarà fondamentale per noi dato che la richiesta di servizi di trasporto è in costante aumento – dice Franco Natalucci della Asso -. Il mezzo attrezzato sarà utilizzato nel comune di Osimo e negli altri dell’ambito territoriale (Sirolo, Castelfidardo, Camerano, Loreto, Numana e Offagna). Il mezzo effettuerà servizi di trasporto di anziani con problemi di deambulazione verso i centri diurni ma anche servizi di accompagnamento di disabili (anche a scuola). Svolgiamo poi servizi per il Comune, per un centro di aggregazione e servizi di trasporto privato per chi lo richiede».

Sarà grazie alla partecipazione della attività locali che potrà essere garantita l’esistenza del servizio. Le aziende potranno trasferire sul proprio marchio il valore aggiunto ricevendo in cambio un sicuro riconoscimento da parte della comunità. Proprio in questi giorni la società incaricata “Progetti di utilità sociale” si occuperà di informare i titolari della attività economiche sulle caratteristiche dell’iniziativa.