Centro Pagina - cronaca e attualità

Osimo

Osimo, malata di Coronavirus da 40 giorni: pronto il trasferimento in un Covid Center

Il suo appello è stato ascoltato e dopo più di un mese la signora sarà trasferita. Continua però la sua battaglia per chiedere l'estensione dei tamponi ai familiari dei positivi

OSIMO – Sarà trasferita in un Covid center a Marzocca di Senigallia l’osimana malata di Covid-19 da più di 40 giorni ormai. Una “buona” notizia dopo quasi due mesi di sofferenza. Grazie all’intervento del suo medico di famiglia, potrà “mettere in salvo” marito e figlio. «È stata una scelta difficile ma che ho dovuto prendere per fare in modo che fra 14 giorni finisca la quarantena dei miei familiari», dice.

L’osimana ha avuto i primi sintomi da Coronavirus l’11 marzo scorso. E’ stata curata da casa, non l’hanno ricoverata in ospedale. Oggi risulta ancora positiva al Covid-19 ed è costretta a trascorrere la sua convalescenza nel piccolo appartamento che condivide con il marito e il figlio.

Per questo ha lanciato un appello, per avere la possibilità di essere separata da loro. Sta meglio fisicamente ma come mamma e moglie la sua preoccupazione più grande non è mai stata per se stessa quanto per i suoi due cari. «Ho trascorso tutte le mie giornate chiusa in una stanza di 12 metri quadrati – aggiunge -. Mio marito e il mio secondo figlio di 25 anni, che abitano con me ma che evitano ogni contatto, sono anche loro in quarantena, costretti a vivere nella stessa casa, seppure in stanze separate, senza sapere per quanto tempo ancora».

Sarà sottoposta a tampone il 12 maggio e dovranno trascorrere di nuovo i 14 giorni canonici di quarantena, poi, se quello del 26 (secondo tampone) sarà negativo, solo allora potranno uscire tutti di casa altrimenti dovranno aspettare ancora. Per questo ha chiesto di essere trasferita in struttura idonea in attesa di tornare negativa. «La mia battaglia però non finisce qui perché chiedo al governatore delle Marche Luca Ceriscioli – dichiara – che vengano fatti i tamponi anche ai familiari dei positivi, proprio come si sta facendo in Veneto in questi giorni».