Centro Pagina - cronaca e attualità

Osimo

Osimo, inaugurata la nuova sede dell’Accademia Lirica

I nuovi locali si trovano al secondo piano di Palazzo Corradori-Gallo in Piazza Dante, dopo il trasferimento dai locali di Palazzo Campana chiusi per inagibilità. Presente l'arcivescovo Angelo Spina e il Sindaco Pugnaloni

OSIMO – È stata inaugurata questa mattina alla presenza dell’arcivescovo Angelo Spina la nuova sede dell’Accademia d’Arte Lirica di Osimo, al secondo piano di Palazzo Corradori-Gallo in Piazza Dante, dopo il trasferimento dai locali di Palazzo Campana chiusi per inagibilità.

«La musica è un linguaggio che parla a tutti – ha detto il vescovo della diocesi di Ancona-Osimo, dopo essersi congratulato con gli studenti della scuola – attraverso cui trasmettere bellezza, gioia e pace».

Presente anche il sindaco di Osimo Simone Pugnaloni che ha voluto congratularsi con uno dei maggiori artefici di questa realtà, Padre Venanzio Sorbini, attuale Direttore Generale e fondatore nel 1979 dell’Accademia Lirica.

Il Sindaco Pugnaloni con il vescovo Angelo Spina e Padre Venanzio Sorbini

«Una storia lunga 39 anni – ha commentato il primo cittadino -, un’istituzione musicale che ha saputo distinguersi a livello internazionale. E il merito, più di tutti, lo dobbiamo ad un grande uomo, per la sua passione e per il costante impegno profuso in questo progetto. Grazie a Padre Venanzio Sorbini, a cui l’amministrazione comunale ha recentemente conferito la civica benemerenza».

L’Accademia Lirica di Osimo è stata fondata nel 1979 per formare e perfezionare nell’arte lirica giovani cantanti di provenienza internazionale e nel corso dei suoi primi 39 anni di attività ha ospitato maestri di fama internazionale ma anche allievi che poi si sono affermati a livelli di eccellenza. In passato l’Accademia ha avuto tra i suoi direttori anche Katia Ricciarelli, mentre l’attualmente Direttore Artistico è Vincenzo De Vivo.
A conclusione della cerimonia i solisti dell’accademia, accompagnati dalla pianista Alla Simoni, si sono esibiti in un breve repertorio tratto dalle opere di Mozart, Donizetti e Verdi.