Centro Pagina - cronaca e attualità

Osimo

Osimo, il mondo del basket saluta Graziano Pesaresi, storico custode del PalaBellini

Uomo legato al mondo dello sport, è stato collaboratore del movimento cestistico cittadino. Si è spento all’ospedale “Ss. Benvenuto e Rocco” dove era ricoverato

Graziano Pesaresi

OSIMO – Si è spento all’età di 84 anni, nella mattina di giovedì (21 gennaio), l’osimano Graziano Pesaresi. Uomo legato al mondo dello sport, è stato collaboratore del movimento cestistico osimano e custode del PalaBellini. Si è spento all’ospedale “Ss. Benvenuto e Rocco” dove era ricoverato. Molte sono state le manifestazioni di stima ed affetto che anche attraverso i social sono state scritte. Graziano aveva un sorriso per tutti i “suoi” atleti, per generazioni che si sono susseguite al palas e che oggi lo piangono. Era appassionatissimo di basket e quella passione l’ha trasmessa a tanti.

Dalla società sportiva G.S. Robur basket Osimo, dicono: «Per anni ha preservato, difeso e gestito la casa del basket osimano. Tutta la città di Osimo piange Graziano Pesaresi che ci ha lasciato all’età di 84 anni. Grande collaboratore leale del movimento cestistico osimano, Graziano fu custode indimenticabile del Palabellini. A nome della Robur basket e Giovane Robur basket, i suoi tesserati e tifosi, le più sentite condoglianze alla famiglia in questo momento di profondo dolore».

Paolo Bianconi e tutti gli istruttori del Centro minibasket e dell’Osimo basket aggiungono: «Ci ha lasciato Graziano, preziosissimo collaboratore del Basket osimano, per tantissimi anni custode del Palabellini, distinguendosi sempre per la disponibilità, riservatezza e amicizia con i tanti atleti e giovani cresciuti con lui. Alla famiglia giunga la nostra vicinanza».

L’allenatore Stefano Senigagliesi commenta: «Che dispiacere. Graziano era una persona buona e gentile. Quanti aneddoti al palasport. Un abbraccio a tutta la famiglia».

Tutta la città si stringe attorno alla moglie Silvana Cantori e ai figli Massimo e Tiziana. I funerali si svolgeranno domani, sabato 23 gennaio, alle 10 nella Chiesa di San Marco. La salma è esposta dalla mattina di venerdì 22 gennaio nella casa funeraria Biondi a San Biagio, in via Romero. La famiglia non ha chiesto fiori ma opere di bene.
La salma sarà poi tumulata nel cimitero Maggiore.