Osimo, fatto brillare un ordigno bellico

Una bomba della seconda guerra mondiale è stata ritrovata nella zona dei laghi tra Osimo e Castelfidardo qualche giorno fa e stamattina, 10 luglio, è stata fatta esplodere

L'ordigno bellico rinvenuto mesi fa a Osimo
L'ordigno bellico rinvenuto mesi fa a Osimo

OSIMO – Un ordigno della seconda guerra mondiale è stato ritrovato nella zona dei laghi tra Osimo e Castelfidardo qualche giorno fa e stamattina, 10 luglio, è stato fatto brillare. Da un primo accertamento è sembrato subito che il residuato bellico non fosse pericoloso da richiedere l’evacuazione di residenti (non comunque in prossimità della zona) ma è stato chiesto comunque l’intervento degli artificieri. Sul posto anche la Protezione civile fidardense. Lo scoppio è stato sordo, udibile comunque a distanza di una manciata di chilometri.

Non è il primo ordigno che viene rinvenuto in quella zona ma anche nelle altre periferiche osimane. Qualche mese fa lo stesso iter era stato messo in atto per due bombe, trovate da contadini ignari di custodirli nel proprio campo, uno nell’area adiacente a via Mazzieri all’Abbadia di Osimo, in via San Giovanni Paolo II, l’altro poco prima al confine con Filottrano, un proiettile risalente sempre al secondo conflitto mondiale rimasto pericolosamente nascosto per tutto questo tempo sotto pochi metri di terreno, e l’ultimo sul monte della Crescia a Offagna dove nel dicembre scorso il rumore sordo ha echeggiato per la vallata.