Osimo, sette titoli per il cartellone de “La Nuova Fenice”

Sta per partire la nuova stagione del teatro cittadino, realizzata da Comune, Asso e Amat. Sul palco nomi importanti della scena teatrale italiana. Il sipario si apre con “Inventario delle cose certe”, dedicato alla scrittrice Joyce Lussu

Alessandro Preziosi
Alessandro Preziosi

OSIMO – Sta per partire la nuova stagione del teatro “La Nuova Fenice” di Osimo, presentata ieri, 19 settembre, e realizzata da Comune, Asso e Amat.

Si parte il 25 ottobre con uno spettacolo (fuori abbonamento) di Isabella Cartoni e Sentieri selvaggi, “Inventario delle cose certe”. È un lavoro dedicato alla scrittrice Joyce Lussu, con musiche originali di Carlo Boccadoro e Filippo Del Como e regia di Marco Baliani. Musica e parola si intrecciano in un’originale drammaturgia per elaborare un inventario di pensieri che riparta dall’essenziale.

La stagione in abbonamento prende il via il 23 novembre (replica il 24) con “Anna dei miracoli” di William Gibson, interpretata da Mascia Musy. Adattamento e regia sono di Emanuela Gionlano. Lo spettacolo è ispirato alla storia vera della bambina sordocieca Helen Keller, resa famosa dall’omonimo film diretto da Arthur Penn nel 1962, con una Anne Bancroft tanto straordinaria da meritarsi l’Oscar.

Il 3 dicembre si potranno vedere i popolarissimi Ale & Franz alle prese con “Romeo & Giulietta. Nati sotto contraria stella”. I protagonisti non sono i personaggi dell’opera shakespeariana ma sette vecchi comici girovaghi che si presentano al pubblico per interpretare “La dolorosa storia di Giulietta e del suo Romeo”. Sono tutti uomini e ognuno di loro interpreta più personaggi, anche quelli femminili. Nel cast, diretto da Leo Muscato, anche Eugenio Allegri, Marco Gobetti, Marco Zannoni e Paolo Graziosi.

C’è anche Alessandro Preziosi, che il 14 gennaio sarà il protagonista di “Vincent Van Gogh. L’odore assordante del bianco” di Stefano Massini. Diretto ·da Alessandro Maggi, Preziosi-Van Gogh si ritrova tra le austere pareti di una stanza del manicomio di Saint Paul. Come può vivere un grande pittore in un luogo dove non c’è altro colore che il bianco? È il 1889 e l’unico desiderio di Vincent è uscire da quelle mura.

Un poker di volti femminili sarà di scena il 25 gennaio: Anna Galiena, Debora Caprioglio, Caterina Murino e Paola Gassman. Sono le interpreti di “Otto donne e un mistero di Robert Thomas”. È Natale, fuori nevica ed è tutto perfetto: i regali sono l’albero, le luci e le note festose che invadono le stanze. Nella casa ci sono otto donne. Quale di loro ha pugnalato Marcel e tagliato i fili del telefono, trasformando una bella dimora di campagna in una prigione di paura? La commedia thriller di Robert Thomas è un ingranaggio perfetto per sedurre lo spettatore e tenerlo con il fiato sospeso.

La grande comicità napoletana trionferà il 7 febbraio grazie a Lello Arena e al classico “Miseria e nobiltà” di Eduardo Scarpetta. Arena si conferma perfetto erede di quella maschera tra le maschere.

In chiusura, il 28 marzo, la Rbr dance company project proporrà lo spettacolo “Indaco e gli illusionisti della danza” con le coreografie di Cristiano Fagioli. Proiezioni su originali fondali, mutazioni sceniche inattese, giochi di luci e soluzioni registiche altamente tecnologiche sono solo alcune delle sorprese di questo affascinante lavoro.

Gli spettacoli iniziano alle 21.15, tranne quelli della domenica alle 18. I biglietti sono acquistabili nei punti vendita Amat e online.