Centro Pagina - cronaca e attualità

Osimo

Osimo, altro fine settimana di controlli intensi in centro

Il servizio è stato disposto dal Questore Cesare Capocasa per contrastare fenomenologie criminali, che recentemente hanno destato allarme sociale, a partire da episodi di bullismo ad opera di giovani, anche minori, e allo spaccio di sostanze stupefacenti

I controlli in centro a Osimo sabato
I controlli in centro a Osimo

OSIMO – C’è stato un altro servizio interforze coordinato dal dirigente del Commissariato della Polizia di Stato di Osimo Stefano Bortone sabato sera (13 novembre) in centro a Osimo che ha visto impegnate pattuglie della Polizia, dei Carabinieri e della Polizia locale. Il servizio, che ha impegnato anche unità cinofile antidroga della Questura di Ancona, è stato disposto dal Questore Cesare Capocasa per contrastare fenomenologie criminali, che recentemente hanno destato allarme sociale, a partire da episodi di bullismo ad opera di giovani, anche minori, e allo spaccio di sostanze stupefacenti. Non solo, già venerdì sera (12) gli Agenti del Commissariato hanno effettuato sopralluoghi negli esercizi pubblici e nei locali di svago, con la collaborazione dei personale dell’Arma dei Carabinieri e sono in corso accertamenti per stabilire la regolarità delle autorizzazioni e licenze amministrative per lo svolgimento di intrattenimenti pubblici nei locali controllati. I controlli di sabato si sono concentrati inizialmente al maxiparcheggio, a pochi passi dal centro, capolinea di pullman provenienti da comuni limitrofi che solitamente trasportano giovani che scelgono Osimo per trascorrere il sabato pomeriggio. Poi si sono poi spostati nel centro e nelle zone periferiche e nei noti luoghi di aggregazione. Sono stati identificate 48 persone, perlopiù giovani e giovanissimi, 15 veicoli, e sono stati presi contatti con i titolari degli esercizi pubblici per segnalare eventuali criticità e poter effettuare più mirati interventi. Dalla visione delle immagini del sistema di sorveglianza, è emerso che un giovane, alla vista dei poliziotti, si è disfatto di qualcosa per poi andarla a recuperare dopo il controllo. La sua posizione adesso è al vaglio degli inquirenti.

Problemi di degrado sono noti anche a Osimo. Vetrine imbrattate, insulti a passanti e turisti, urina sui portoni delle abitazioni, bottiglie di vetro rotte sui muri delle case e urla di ragazzi ubriachi. Da diversi mesi, nelle notti di venerdì e sabato, alcune zone del centro storico di Osimo sono in balia degli schiamazzi e degli atti vandalici di gruppi di giovani provenienti anche dai paesi vicini. Del problema se ne parlerà nel prossimo Consiglio comunale, il consigliere di Progetto Osimo futura Achille Ginnetti, ha presentato un’interrogazione sull’ordine pubblico che sarà inserita all’ordine del giorno. Il capogruppo torna a ribadire l’importanza strategica di una postazione fissa della Polizia locale in centro storico, la cui sede potrebbe essere aperta proprio all’interno del palazzo comunale, e l’allungamento del turno serale dei vigili dalle 22 alle 4.

«Vogliamo sapere per quale motivo l’Amministrazione si limita ad installare telecamere che non costituiscono un deterrente né sono strumenti di prevenzione – invece di impegnarsi per un maggior controllo del territorio, soprattutto la notte – spiega Ginnetti -. Chiederò perché la presenza delle forze di Polizia nel centro storico non si protrae mai oltre la mezzanotte e perché non è previsto un servizio notturno della Polizia locale dalle 22 alle 4, come invece avveniva in passato».