Centro Pagina - cronaca e attualità

Osimo

Osimo, l’Accademia d’arte lirica torna «all’abbraccio del pubblico»

Un evento che segna la ripresa della musica in presenza per i giovani allievi della storica istituzione osimana. Le parole del direttore artistico Vincenzo De Vivo

Il teatro osimano
Il teatro osimano

OSIMO – I solisti dell’Accademia d’arte Lirica di Osimo tornano a fare musica dal vivo con la presenza del pubblico. È un evento molto atteso il concerto in programma sabato 15 maggio alle 18, “Ottocento, da Rossini a Puccini”, che segna la ripresa dell’attività pubblica per i giovani allievi della storica istituzione osimana, un appuntamento che mancava dallo scorso 21 ottobre. La pandemia ha fermato gli spettacoli dal vivo ma i giovani talenti non hanno mai smesso di esercitarsi.

Al teatro La Nuova Fenice di Osimo i cantanti, con il pianista Carlo Morganti, proporranno un programma affascinante con arie, duetti e terzetti da opere di grandi compositori dell’Ottocento: Rossini, Donizetti, Verdi, Puccini, Gounod. Il concerto è dedicato alla memoria di Alessandro Candelari, giovane osimano scomparso prematuramente quattro anni fa in un tragico incidente stradale. Alessandro amava la musica: per questo motivo la sua famiglia ha deciso di istituire una borsa di studio che porta il suo nome. Quest’anno la scelta è caduta sul tenore italiano Alessandro Fiocchetti, che compie gli studi di perfezionamento vocale ad Osimo. Il giovane artista è stato il protagonista della Bohème filmata dall’associazione Gobbi a Roma lo scorso autunno, della Traviata al teatro lirico sperimentale di Spoleto e al teatro dell’Unione di Viterbo, di Ba-ta-clan di Offenbach sempre a Spoleto e al Luglio musicale Trapanese. La prevendita al teatro venerdì 14 maggio (dalle 17 alle 20) e sabato 15 maggio dalle 16 fino ad inizio spettacolo. Posto unico numerato otto euro. L’uso della mascherina è raccomandato.

Il direttore artistico Vincenzo De Vivo
Il direttore artistico Vincenzo De Vivo

Il direttore artistico Vincenzo De Vivo commenta così il tanto atteso ritorno: «Attendevamo con ansia di tornare all’abbraccio del pubblico che avevamo salutato a ottobre. Siamo grati a quanti ci hanno seguito e ci seguiranno nei nostri concerti in streaming ma la presenza viva degli spettatori è parte integrante del fare musica insieme. I giovani cantanti dell’Accademia non vedono l’ora di tornare sul palcoscenico con le musiche dei grandi autori dell’Ottocento operistico e sono anche felici di fare da ponte con un pubblico più vasto, attraverso lo streaming, per far conoscere la splendida musica ispirata dai versi di Dante».

C’è anche un altro progetto in partenza infatti. I versi e i personaggi di Dante rivivono attraverso le voci dei solisti dell’Accademia: per celebrare i settecento anni dalla sua morte la storica istituzione osimana presenta un ciclo di concerti: “Dante all’opera”, quattro programmi registrati che segnano la ripresa dell’attività concertistica per i talenti dell’Accademia. I concerti, trasmessi in streaming sulla pagina Facebook di Osimoweb e dell’Accademia d’arte lirica di Osimo, sono in programma giovedì 13, venerdì 14, giovedì 20 e venerdì 21 maggio alle ore 18 ed avranno come cornice sempre il teatro di Osimo, uno dei luoghi simbolo della città.

«Quattro tappe di un viaggio che racconta il sommo poeta attraverso le sue composizioni e le sue creature – continua De Vivo -, dai sonetti e le ballate di Vita Nuova, messi in musica da Pinsuti, Castelnuovo Tedesco, Mario Pilati e persino in russo da Taneev, ai versi della Divina Commedia che hanno ispirato compositori come Rossini, Silveri, Monti, Donizetti, Marchetti, Alaleona, Verdi. Un appuntamento è dedicato alle figure femminili della Commedia: Francesca da Rimini, Pia de’ Tolomei, Lia, Matelda, e la Santa Vergine. Un altro è riservato alla crudele vicenda del Conte Ugolino, che sfoga il suo dolore sulla musica di Gaetano Donizetti, e non mancano i personaggi danteschi divenuti protagonisti di opere liriche: oltre a Francesca da Rimini (che ha affascinato Zandonai e Rachmaninov) e Pia de’ Tolomei, messa in musica da Donizetti, anche Cuniza da Romano, protagonista della prima opera di Verdi, Oberto conte di San Bonifacio, e Gianni Schicchi, capolavoro comico di Puccini. La realizzazione di questo affascinante progetto è affidata alle voci dei solisti dell’Accademia d’Arte Lirica e ai pianisti Alessandro Benigni e Valeria Picardi, a cui si aggiungono i commenti introduttivi di Alessandra Catalani, Lucilla Niccolini, Mariella Pratissoli ed Antonio Luccarini, che permetteranno al pubblico di entrare nel mondo di Dante prima di ascoltarne i versi messi in musica dai compositori».

Ecco nel dettaglio i quattro appuntamenti. “Vita Nuova”, giovedì 13 maggio alle ore 18, musiche di Pilati, Pinsuti, Taneev, introduzione di Alessandra Catalani, pianista Valeria Picardi; “Donne della Divina Commedia”, venerdì 14 alle ore 18, musiche di Rossini, Silveri, Monti, Donizetti, Marchetti, Alaleona, Verdi, introduzione di Lucilla Niccolini, pianista Valeria Picardi; “Il Conte Ugolino” giovedì 20 alle ore 18, musiche di Donizetti, introduzione di Mariella Pratissoli, pianista Alessandro Benigni; “All’opera con Dante” venerdì 21 alle ore 18, musiche di Zandonai, Rachmaninov, Donizetti, Verdi, Puccini, introduzione di Antonio Luccarini, pianista Alessandro Benigni.