Osimo, ragazzo pestato in un club: individuati gli aggressori

Il fatto è avvenuto lo scorso aprile ad Ancona. Ora a finire nei guai sono due giovani di nazionalità dominicana, entrambi trentenni, uno residente a Porto Recanati l'altro a Loreto. Entrambi già noti alle forze dell'ordine

I controlli della Polizia

OSIMO – Stava trascorrendo una tranquilla serata con gli amici in un circolo privato di via Bruno Buozzi ad Ancona quando, per futili motivi, è stato aggredito da due persone che l’hanno mandato all’ospedale. Non le conosceva.

Il fatto è successo lo scorso aprile e il protagonista è un ragazzo di 24 anni, di nazionalità camerunense, residente ad Osimo da diversi anni. Ha raccontato agli agenti del Commissariato di Osimo, nella denuncia, di trovarsi, quella sera di aprile, all’interno del locale, dove era seduto nei pressi del bancone del bar del circolo quando è stato avvicinato da due persone che gli hanno intimato di alzarsi dalla sedia per far posto ad una ragazza che si trovava in loro compagnia.

Senza nemmeno comprendere cosa stesse succedendo, il giovane si è trovato sotto i violenti colpi dei due uomini che, tra le varie contusioni, gli hanno procurato anche la rottura di uno dei due incisivi superiori. Il ragazzo è stato trasportato all’ospedale di Osimo dall’ambulanza, dove è stato curato anche se, ancora oggi, si sta sottoponendo alle cure odontoiatriche del caso.

In questi mesi, dopo un’accurata attività d’indagine per ricostruire i fatti, gli agenti del Commissariato di pubblica sicurezza di Osimo sono riusciti ad identificare gli autori del pestaggio e a denunciarli per lesioni gravi all’autorità giudiziaria.

Si tratta di due giovani di nazionalità dominicana, entrambi trentenni, uno residente a Porto Recanati e uno a Loreto. Sono ancora in corso gli accertamenti per verificare il rapporto che intercorre tra i due dominicani e il club privato e le valutazioni del Questore che, nella veste di autorità provinciale di pubblica sicurezza, potrebbe adottare nei loro confronti una misura di prevenzione personale: sono entrambi pluripregiudicati per reati contro la persona, il patrimonio e uno dei due per maltrattamenti in famiglia.