Numana, scomparso dal Trentino è stato ritrovato in Riviera

È stato provvidenziale l’intervento degli agenti del commissariato di pubblica sicurezza di Osimo, diretti dal vicequestore Giuseppe Todaro, per il ritrovamento di una persona, parzialmente incapace, che si era allontanata dalla propria abitazione in Alto Adige. L'uomo si trova ricoverato all'ospedale di Jesi in attesa che arrivino i familiari

Foto d'archivio
Foto d'archivio

OSIMO – È stato provvidenziale l’intervento degli agenti del commissariato di pubblica sicurezza di Osimo, diretti dal vicequestore Giuseppe Todaro, per il ritrovamento di una persona, parzialmente incapace, che si era allontanata dalla propria abitazione in Alto Adige. La segnalazione è arrivata ieri notte, 13 giugno, al centralino del commissariato: un uomo, sulla cinquantina, che aveva preso alloggio in una struttura ricettiva di Numana, in evidente stato confusionale, andava in giro scalzo. Sembrava essersi smarrito. Gli agenti hanno rintracciato l’uomo poco dopo nella stessa struttura e hanno dato il via agli accertamenti per ricostruire cos’era accaduto.

Si tratta di un altoatesino residente a San Leonardo in Passiria, provincia di Bolzano, che si era allontanato la mattina del 12 dalla sua abitazione senza lasciare traccia a parenti e familiari. Non appena si sono accorti della sua assenza, ne hanno denunciato la scomparsa al commissariato di Merano. Nonostante fosse incapace di autodeterminarsi, è riuscito ad arrivare lungo la costa anconetana. L’uomo è stato affidato alle cure del 118: i sanitari, visto lo stato psicofisico in cui versava, hanno deciso per il ricovero all’ospedale di Jesi dove si trova tuttora in attesa che i familiari arrivino dal Trentino.