Centro Pagina - cronaca e attualità

Osimo

Manifatturiero, tanto lavoro ma manodopera assente: il grido della Cna

Nella zona sud di Ancona il settore manifatturiero è trainante ma in questi giorni, secondo le testimonianze di molte imprese raccolte dalla Cna di zona sud, mancano i lavoratori

CASTELFIDARDO – Nella zona sud di Ancona il settore manifatturiero è un settore trainante ma in questi giorni, secondo le testimonianze di molte imprese raccolte dalla Cna di zona sud, si sta assistendo al paradosso di una ripresa che si fa sempre più forte limitata dall’assenza di manodopera disponibile. Alcuni provvedimenti nazionali messi in campo per contrastare la crisi economica stanno sortendo i loro effetti positivi. Purtroppo però le imprese di piccole dimensioni devono spesso adeguare il personale per poter far fronte ad una domanda crescente.

Il rifiuto di lavori per l’assenza di manodopera

«Da più imprenditori riceviamo segnalazioni di difficoltà a reperirla e la situazione paradossale è che si arriva a rifiutare lavori per l’assenza di manodopera. La situazione della scarsità di manodopera è paradossale – hanno commentato Andrea Cantori e Andrea Cecconi, rispettivamente segretario e presidente della Cna di zona Sud di Ancona –. Siamo di fronte ad una ripresa senza manodopera. La problematica si era già presentata all’inizio della stagione estiva per il settore turistico ma per la zona Sud la situazione è ancora più incomprensibile: stiamo parlando di un’occupazione spesso di qualità nel settore produttivo/manifatturiero, con percorsi da apprendisti e operai. Certamente dobbiamo considerare che per anni abbiamo “tarato” le nostre esigenze di materie prime e manodopera su una crescita dello zero virgola, ora grazie hai fondi europei prevediamo di crescere 10 volte di più in un tempo brevissimo: una dinamica che ha portato sia all’aumento delle materie prime, sia a questa carenza di manodopera che osserviamo oggi».

Serve una riforma, dice la Cna

Occorrono urgentemente correttivi ad alcuni provvedimenti messi in campo che stanno producendo squilibri nel mercato, secondo la Cna. «Occorre urgentemente una riforma del sistema degli ammortizzatori e rivedere il sistema dei centri per l’impiego – concludono –. La ripresa infatti rischia di non trovare risposte non per l’assenza di imprese ma per l’assenza di manodopera disponibile a cogliere questa opportunità».