Centro Pagina - cronaca e attualità

Osimo

Maltempo, a Filottrano chiuso il ponte per dissesto

Sul posto sono arrivati i Vigili del fuoco che stanno organizzando l'intervento importante. L'aggiornamento del sindaco

La situazione a Filottrano
La situazione a Filottrano

FILOTTRANO – Squadre dei vigili del fuoco sono al lavoro anche in Valmusone per gestire la situazione critica generata dal maltempo di stanotte (16 settembre). I danni più consistenti si sono verificati nella zona di Filottrano. È lo stesso sindaco Lauretta Giulioni stamattina a darne notizia: «Comunico l’avvenuta chiusura di via Rovigliano per dissesto del ponte a seguito del maltempo di ieri (15 settembre) – dice -. Sono già stati avvisati i Vigili del fuoco che stanno organizzando l’intervento. Il personale dell’ufficio tecnico prosegue nel suo lavoro di ripristino e di monitoraggio delle strade e dei ponti, oggetto questi ultimi di particolare osservazione. Si sta controllando al momento via Taverna e lavorando al ripristino della viabilità di via Legalasino e delle altre vie per riportare quanto prima la situazione alla normalità. Si raccomanda la massima prudenza nella percorrenza delle strade in ragione della presenza di smottamenti e ancora di evitare le percorrenze oggetto di segnalazione. Provvederò a tenere informati tutti sugli sviluppi della situazione».

Il ponte a Filottrano

Il sindaco osimano Simone Pugnaloni comunica: «Ad Osimo per fortuna la situazione è rimasta sempre sotto controllo. Al momento nessuna criticità grave, qualche albero caduto e strade da pulire per piccoli smottamenti. Solo via Fratte, nel tratto dopo Passatempo, è attualmente chiusa al traffico per alcune frane che hanno spinto il Comune di Montefano a interdire la circolazione. Il nostro ufficio tecnico sta perlustrando tutte le strutture pubbliche ma non abbiamo ricevuto segnalazioni di danni a cose o persone. Il ponte sul Musone di via Cagiata, che in passato era stato chiuso per i danni provocati dalla piena del fiume, è attualmente transitabile ma segnaleremo alla Provincia la necessità di ripulirlo dal fango che ha invaso la carreggiata, così come alla Regione spetterà la pulizia dell’alveo pieno di rami e detriti».