Centro Pagina - cronaca e attualità

Osimo

Loreto, più sicurezza nelle aree gioco dopo l’incidente di via Fregosi

A chiederlo il gruppo consiliare di opposizione “Loreto libera” con una mozione per la messa in sicurezza delle aree gioco esistenti e, per il futuro, crearne di nuove in zone sicure e salubri

L'intervento dei vigili del fuoco durante l'incidente del 2 maggio scorso al parco giochi tra le vie Manzoni e Fregosi
L'intervento dei vigili del fuoco durante l'incidente del 2 maggio scorso al parco giochi tra le vie Manzoni e Fregosi

LORETO – Dopo l‘incidente che ha visto una Fiat Panda finire nel parco giochi tra le vie Manzoni e Fregosi il 2 maggio scorso dopo il violento impatto con un furgone, il gruppo consiliare all’opposizione “Loreto libera” chiede al sindaco con una mozione di mettere in sicurezza le aree gioco esistenti e, per il futuro, adattarne di nuove in zone sicure e salubri.
«Fortunatamente in quel momento non erano presenti persone nell’area verde, la recinzione a tutela del giardino è stata violentemente abbattuta e l’auto è finita accanto a una pianta del parco stesso – dicono i consiglieri firmatari Cristina Castellani e Gianluca Castagnani -. Altri parchi pubblici che sono frequentati da bambini in tenera età, che vedono la presenza di giochi come altalene o scivoli, si trovano posti marginalmente ad aree residenziali, spesso in prossimità di incroci trafficati e a elevata emissione di gas di scarico. Nel caso della Stazione, un altro parco giochi è posto sotto un elettrodotto ad elevata tensione oltre che all’angolo di due strade, una delle quali conduce alla statale Adriatica immediatamente soprastante. Un’Amministrazione comunale che tutela la salute dei residenti deve iniziare proprio dalle fasce più deboli come anziani e bambini adottando tutte le migliori pratiche a salvaguardia degli stessi. Regolamento edilizio comunale e norme tecniche di attuazione del piano regolatore dovrebbero prevedere soluzioni adeguate, nel rispetto della normativa vigente, laddove siano contemplate zone a verde pubblico o le cosiddette “zone di dotazione standard”. Chiediamo al sindaco di impegnarsi ad adottare modifiche regolamentari e normative di competenza dell’ente locale volte ad approvare prescrizioni a tutela dell’incolumità e della salute dei bambini anche nella frequentazione di aree a verde con o senza giochi. Nel caso di giardini con giochi per bambini piccoli, in futuro saranno posti non in aree “di scarto” ma sufficientemente lontani da strade trafficate, inquinate e rumorose nonché da tralicci dell’alta tensione o punti di potenziale pericolo per la sicurezza dei bambini e dei cittadini in generale».