Centro Pagina - cronaca e attualità

Osimo

Loreto, primo No all’impianto di cremazione

La scorsa estate un gruppo di imprese aveva presentato un progetto al Comune per realizzare un impianto di cremazione all’interno del cimitero con la formula del project financing. Oggi è quasi certo che l’impianto non sarà realizzato

La piazza di Loreto
La piazza di Loreto

LORETO – La scorsa estate un gruppo di imprese aveva presentato un progetto al Comune per realizzare un impianto di cremazione all’interno del cimitero di Loreto con la formula del project financing, ai sensi della più recente normativa sugli appalti pubblici, un’iniziativa che aveva destato perplessità. Oggi è quasi certo che l’impianto non sarà realizzato.

«Una soddisfazione per la nostra lista che ha affrontato da subito il problema dichiarandosi apertamente contro per svariati motivi, tra cui quello ambientale – afferma il gruppo di minoranza in Consiglio “Loreto libera” -. Il nostro consigliere Gianluca Castagnani ha letto in aula durante l’ultimo Consiglio comunale la risposta a un’interrogazione regionale enunciata poche ore prima dove si afferma che, tra le altre cose, il piano di coordinamento per la realizzazione di impianti crematori previsto dalla legge non è stato elaborato dalla Regione perché, allo stato attuale, sono operanti due impianti di cremazione regionali, a San Benedetto e Fano, che sembrano rispondere al fabbisogno non essendo mai pervenute segnalazioni relative a carenze o liste di attesa».

Il sindaco aveva ricevuto quegli imprenditori e informato subito i capigruppo in Consiglio. A presentare l’interrogazione in Consiglio regionale è stato il capogruppo della Lega Sandro Zaffiri: «In uno dei luoghi di pellegrinaggio tra i più importanti del mondo cattolico è impensabile realizzare un impianto di quel genere che andrebbe anche ad aggravare il traffico – ha detto -. Di questo progetto non si conoscono ancora i dettagli poi, se sia corredato da una relazione in cui vengono specificate le caratteristiche ambientali del sito e quelle igienico-sanitarie dell’impianto».