Loreto, partito il meeting delle città santuario del mondo

In città sindaci e rappresentanze delle più importanti sedi europee di luoghi di culto dedicati alla Madonna per valorizzare il pellegrinaggio come nuova forma di viaggio esperienziale e ulteriore leva per l’economia dei territori

I sindaci nella sala consiliare di Loreto
I sindaci nella sala consiliare di Loreto

LORETO – Loreto sta ospitando il primo meeting internazionale del turismo religioso alla presenza delle più importanti sedi europee di santuari dedicati alla Madonna: Lourdes, Fatima, Czestochowa, Altotting, Einsiedeln e Mariazell. L’intento è quello di valorizzare il pellegrinaggio come nuova forma di viaggio esperienziale e ulteriore leva per l’economia dei territori.

I lavori sono iniziati oggi, lunedì 23 settembre, con la sezione dedicata al Congresso internazionale dei santuari mariani. La Via Lauretana è più nello specifico al centro della giornata di domani, martedì 24, dedicata al tema del “Pellegrinaggio e del turismo religioso esperienziale” in cui è previsto anche un “educational tour” sulla via Lauretana che si snoda attraverso 23 Comuni tra Marche ed Umbria.

«Siamo soddisfatti di aver creato questo momento di riflessione che ci proietta in quella dimensione internazionale che da sempre caratterizza la città santuario di Loreto e tutte le sue potenzialità turistiche – commenta l’assessore al Turismo Fausto Pirchio -. La promozione del turismo religioso come volano per l’economia di gran parte del territorio marchigiano e, in questo momento, anche della Via Lauretana, è una nostra priorità».

Tutte e sette le città santuario fanno parte dell’associazione “Shrine of Europe” che dal 1996 promuove la pratica del pellegrinaggio legato al culto mariano anche come mezzo per conoscere e scoprire l’Europa viaggiando a piedi sulle orme degli antichi pellegrini.