Centro Pagina - cronaca e attualità

Osimo

Giubileo Loreto, domenica 8 l’apertura della Porta Santa

L’anno giubilare sarà inaugurato l’8 dicembre, in occasione del centenario della proclamazione della Madonna di Loreto patrona degli aeronauti. Il delegato pontificio monsignor Fabio Dal Cin l’ha annunciato ufficialmente

LORETO – L’anno giubilare a Loreto sarà inaugurato domenica 8 dicembre, benevolmente concesso dal pontefice al santuario, unica chiesa giubilare del mondo, in occasione del centenario della proclamazione della Madonna di Loreto patrona degli aeronauti. Oggi, 4 dicembre, il delegato pontificio monsignor Fabio Dal Cin l’ha annunciato ufficialmente nella sala Paolo IV. Domenica alle 15.30 ci sarà la processione e l’apertura della Porta Santa nella basilica alla presenza del cardinal Pietro Parolin, segretario di Stato Vaticano, poi la messa.

«E’ un grande dono concesso dal Papa il Giubileo legato alla Santa Casa che investe però il mondo intero anche per la presenza dell’Aeronautica – ha detto monsignor Dal Cin -. Il volo degli aerei è una metafora della nostra esistenza, tutti siamo chiamati a volare alto. E’ un’opportunità questa per valorizzare l’ordinario».

Lunedì 9 dicembre alle 10.30, dall’aeroporto “Sanzio” di Falconara, grazie a Enac, Assaeroporti e Alitalia partiranno tre statue della Madonna di Loreto per una “peregrinatio Mariae” negli aeroporti civili e militari d’Italia, ben 21 voli, e in numerosi aeroporti dei cinque continenti durante l’intero anno giubilare che termina il 10 dicembre 2020, tra cui Buenos Aires in omaggio al Papa e persino le isole Fiji. Ci saranno anche i paracadutisti. Alle 17 si torna a Loreto per l’accensione del fuoco in attesa della Venuta, alle 19 i Vespri in basilica e alle 21, sempre nel santuario, rosario, Santa Messa presieduta da monsignor Dal Cin e processione in piazza della Madonna con la statua della Vergine Lauretana.

Martedì 10 dicembre è la festa della Beata Vergine Maria e per l’occasione alle 10 solenne celebrazione presieduta da monsignor Emil Paul Tscherring, nunzio Apostolico in Italia. Già sabato 7 alle 18.30 nella sala Paolo VI ci sarà la presentazione del restauro della Santa Casa e delle due mostre giubilari dedicate alla Corona del Rosario e ai cimeli storici degli aviatori e alle 19 la visita alle mostre nelle cantine del Bramante.

Da sinistra: Vito Punzi, Luca Massimi (Aeronautica militare), l'arcivescovo Fabio Dal Cin e Silvia Ceccarelli (direttore Aeroportuale Regioni Centro e rappresentante Enac)
Da sinistra: Vito Punzi, Luca Massimi (Aeronautica militare), l’arcivescovo Fabio Dal Cin e Silvia Ceccarelli (direttore Aeroportuale Regioni Centro e rappresentante Enac)

Ricco il calendario dell’anno giubilare, con il 24 marzo centenario della proclamazione della Madonna patrona degli aeronauti, il giorno dopo il Giubileo degli studenti, il 2 giugno degli sportivi, il 7 dei bambini, l’Agorà della famiglia e da ultimo il 10 dicembre 2020 sarà la Giornata delle Marche. La Santa Casa in quest’anno giubilare porterà avanti due iniziative di carità: l’accoglienza dei giovani che passano a Loreto al centro Giovanni Paolo II, su volontà del Papa, e un aiuto concreto per nuove attrezzature per l’ospedale di Nazareth e all’associazione “Miriam” nella lotta contro i tumori. Alla presentazione c’erano anche Silvia Ceccarelli, direttore Aeroportuale Regioni Centro e rappresentante Enac e il colonnello dell’Aeronautica militare Luca Massimi, comandante del Centro di formazione “Aviation english”.

Domenica pomeriggio, dopo l’apertura della Porta Santa, ci saranno i fuochi pirotecnici per “salutare” gli aerei di passaggio. Tutta Loreto sarà illuminata: il giorno prima il Comune accenderà i due alberi in piazza Leopardi donato da Andalo alle 17.30 e quello tecnologico in piazza della Madonna alle 18 mentre la facciata della basilica si accenderà della nuova illuminazione grazie a Enel e Guzzini.