Centro Pagina - cronaca e attualità

Osimo

Loreto: il cordoglio della città per la morte di Mattia, investito da un treno

Tutta la comunità è sconvolta. Le parole del sindaco Paolo Niccoletti e del preside dell'istituto alberghiero Gabriele Torquati. «È morto davanti agli occhi dei suoi compagni. Uno choc»

Stazione di Loreto
I rilievi da parte della Polfer di Ancona alla stazione di Loreto dopo l'investimento del ragazzino

LORETO – Tutta la comunità loretana è sconvolta da quanto accaduto oggi pomeriggio (9 gennaio). La morte tragica di Mattia Perini ha lasciato sgomenti tutti.

Il 16enne, residente a Montecosaro (Mc), frequentava l’istituto alberghiero “Einstein-Nebbia” di Loreto. Tornava proprio da scuola. Il preside Gabriele Torquati, addoloratissimo, ha detto: «Siamo stati in apprensione fin da subito perché sapevamo che era un nostro studente dal primo momento in cui è giunta la notizia del fatto. Mattia è morto davanti agli occhi dei suoi compagni, una tragedia. Frequentava il terzo anno del corso di Cucina. Gli piaceva molto la scuola, si impegnava davvero a lezione. Aveva voglia di continuare il percorso di studi. Come scuola ci siamo subito mossi per convocare una psicologa che domani mattina sarà qui a supporto dei ragazzi che hanno vissuto il trauma. Grazie alla Croce Rossa che ci ha messo a disposizione questa figura. Domenica (12 gennaio) poi qui all’Alberghiero abbiamo in programma l’open day, probabilmente lo annulleremo o cancelleremo gli eventi e gli spettacoli contestuali che i ragazzi avevano programmato. Per quanto riguarda il funerale, se sarà di mattina con ogni probabilità concederemo il permesso a tutti coloro che vorranno partecipare».

LEGGI ANCHE: Il sindaco di Montecosaro: «Una tragedia inaccettabile»

Il sindaco di Loreto Paolo Niccoletti ha aggiunto: «Esprimo a nome del Comune di Loreto il più forte dolore per la scomparsa di Mattia Perini e vivo cordoglio per la sua famiglia colpita da questa tragedia, cui siamo molto vicini. Sono corso sul luogo del fatto non appena avvisato ma ora è il tempo proprio del dolore e dei sentimenti più profondi verso Mattia e suoi cari, rinviando altri commenti e giudizi fino a quando le autorità deputate non avranno fatto maggiore chiarezza su quanto accaduto».

Sul posto oggi pomeriggio gli agenti della Polfer che si sono messi al lavoro per accertare quanto accaduto ascoltando le testimonianze di coloro che si trovavano lì, studenti per lo più, che hanno permesso di accreditare l’ipotesi dell’incidente con il loro racconto dettagliato degli ultimi istanti di vita del giovane, forse distratto dalla musica che ascoltava con le cuffiette.

La tragedia è accaduta attorno alle 14. Dalle ore 15.05 è ripreso il traffico su un unico binario tra Varano e Loreto. Tre Frecce, due Intercity e cinque Regionali hanno registrato ritardi fino a 90 minuti e poco prima delle 16.30 il Frecciargento, il treno che ha investito Mattia, è ripartito verso nord.