Centro Pagina - cronaca e attualità

Osimo

Lega del Filo d’Oro e Trevalli Cooperlat insieme per panettoni e torte

Si è tenuta ad Osimo nella sede principale dell’associazione una giornata all’insegna del “cooking experience”, iniziativa che rientra nel più ampio progetto “Alimentiamo la vita insieme” promosso dalle due prestigiose realtà marchigiane per aiutare i bambini sordociechi a superare le difficoltà legate alla nutrizione

Cooking experience Trevalli Cooperlat Lega del Filo D'Oro

OSIMO – Mani impastate tra panna, farina, cioccolata, uova e ancora panna, in mezzo a spatole, montapanna, formine, il tutto condito da sorrisi stupore e divertimento per una giornata insolita, trascorsa insieme ai ragazzi e alle ragazze della Lega del Filo d’Oro. Il “cooking experience” è stato organizzato dalla stessa associazione e Trevalli Coopelat nell’ambito di “Alimentiamo la vita insieme”, il progetto promosso dalle due realtà marchigiane con lo scopo comune di aiutare i bambini sordociechi a superare le difficoltà legate alla nutrizione, che prosegue con successo anche attraverso iniziative originali come quella appena realizzata:  preparazione di panettoni, tradizionale e al cioccolato, più una torta su base di pan di spagna.

La cucina didattica si è trasformata quindi in un laboratorio davvero particolare dove gli chef pasticceri Silvano Marozzi e Maurizio Campetella della Pasticceria Marinozzi di Corridonia hanno predisposto ingredienti e ricette insieme a Victor, un ragazzo ospite dell’associazione e ai rappresentanti dei Trevalli Cooperlat, e sfornato le prelibatezze più invitanti.

«Il progetto  – ha spiegato Paolo Fabiani di Trevalli Cooperlat – rientra pienamente nella vocazione sociale della cooperativa fortemente ancorata al proprio territorio e alla valorizzazione delle sue realtà, territorio di cui essa è e vuole continuare ad essere un valore aggiunto. Auspichiamo quindi che questo progetto possa proseguire ancora per i prossimi tre anni».

«Siamo molto lieti che Trevalli Cooperlat abbia scelto tre anni fa la nostra Associazione per una iniziativa di responsabilità sociale e che oggi voglia rinnovare il suo impegno anche per il futuro – ha dichiarato Rossano Bartoli, Presidente della Lega del Filo d’Oro –. Il contributo di partnership come questa sono molto importanti perché possiamo contare su un rapporto solido e su un aiuto concreto che ci permette di potenziare i nostri servizi a favore delle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali e delle loro famiglie».

Dopo la descrizione della cucina didattica e della sua valenza all’interno del più ampio progetto educativo, via alla preparazione di panettone e torta. Alla fine un risultato che ha nutrito gli animi dei presenti e degli organizzatori che hanno  ideato l’iniziativa e il progetto complessivo, volto alla creazione di un percorso specifico finalizzato al miglioramento della qualità della vita dei bambini ospiti del centro. In particolare, il 2018, terzo anno dell’iniziativa, dopo i primi due focalizzati  sul tema ‘Cibo è vita’ e sulla scoperta del gusto è stato dedicato proprio alle creazioni in cucina, con l’attivazione di laboratori utili a stimolare gli ospiti dell’associazione alla manualità e al contatto con il cibo.