Lavori alla basilica di Loreto, nessuno stop alle visite

Finanziati dal ministero dei Beni e delle Attività culturali e supervisionati dalla Soprintendenza, prevedono interventi di restauro alla facciata del santuario e alla cupola. La società trevigiana ha realizzato un sistema di ponteggi per non chiudere per mesi la struttura

I ponteggi per i lavori di restyling alla basilica di Loreto
I ponteggi per i lavori di restyling alla basilica di Loreto

LORETO – Sono ancora in corso i lavori di restyling della basilica della Santa Casa di Loreto. La struttura esterna potrebbe essere rimossa a fine mese senza che i fedeli, come già stanno sperimentando dalla primavera, debbano rinunciare a visite e funzioni.

Finanziati dal ministero dei Beni e delle Attività culturali e supervisionati dalla Soprintendenza, prevedono interventi di restauro alla facciata del santuario e alla cupola. La società Ponteggi euroedile di Paese in provincia di Treviso ha progettato e realizzato un sistema di ponteggi per consentire il restauro di cupola, affreschi interni e parte alta della basilica evitando di chiudere alla vista per mesi la struttura, con impalcature esterne posate al suolo e senza interferire sulla fruizione del luogo sacro di fedeli e visitatori.

Proprio per questo l’azienda trevigiana si è aggiudicata l’operazione, sostenuta dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti: «È stata la constatazione della quantità di fedeli che accedono tutti i giorni alla basilica e delle loro aspettative di bellezza e raccoglimento che ci ha indotto – spiegano i vertici di Euroedile -, già dal primo sopralluogo, ad azzerare il progetto iniziale che avrebbe precluso il passaggio e la permanenza dei visitatori praticamente in tutta l’area soggetta al restauro».

Per consentire ai restauratori di lavorare su tre distinti livelli, a 34, 45 e 59 metri d’altezza, sono state utilizzate più di 175 tonnellate di strutture in metallo, una massa che sarebbe però lievitata almeno del 30 per cento, con parallelo aumento dei costi, qualora si fosse optato per i metodi tradizionali normalmente utilizzati in edilizia.