Centro Pagina - cronaca e attualità

Osimo

Osimo, raid dei malviventi in centro: le parole del sindaco

Ci hanno dato dentro, armati di piede di porco, per cercare di scassinare diversi esercizi commerciali. Presi di mira i negozi di corso Mazzini, via Lionetta e piazza Dante. Il primo cittadino rende noti i prossimi interventi per la sicurezza

La polizia di Osimo (foto di repertorio)

OSIMO – Ci hanno dato dentro, armati di piede di porco, per cercare di scassinare diversi esercizi commerciali del centro storico di Osimo. I ladri l’altra notte, tra il 17 e 18 luglio, hanno preso di mira i negozi di corso Mazzini, via Lionetta e piazza Dante. In pochi si sono salvati. I proprietari se ne sono accorti soltanto la mattina seguente (giovedì 18), perché non sarebbe saltato nessun allarme. In uno i ladri (o il malvivente, che potrebbe anche aver agito da solo) sono riusciti a entrare: si tratta di un negozio di fiori, da cui hanno arraffato il fondo cassa che non raggiunge i cento euro.

Tutte le vittime hanno denunciato i fatti al commissariato di Polizia locale, che si affaccia sulla piazza del teatro attigua a corso Mazzini. I filmati di videosorveglianza pubblica, che dovrebbero aver inquadrato gli autori, sono stati prelevati dagli agenti al comando dei vigili urbani. Almeno 80 ore di girato, dalle 20 di mercoledì sera alle 7 di ieri mattina, sarà passato sotto la lente di ingrandimento dai poliziotti per individuare chi ha messo in atto il raid. Consistente l’ammontare dei danni.

Il sindaco Simone Pugnaloni, informato dei fatti, ha parlato così alla cittadinanza: «Prossimi impegni per un città sempre più sicura: stiamo lavorando per far ritornare un presidio della polizia locale in centro e proporremo a nostre spese un collegamento a carabinieri e questura con la nostra centrale operativa. Ad oggi sono 81 le telecamere attive sul nostro territorio, continueremo ad investire. Per quanto riguarda il raid in centro storico della notte scorsa sono felice per il fatto che le telecamere attive siano state efficaci ai fini delle indagini in corso».