Centro Pagina - cronaca e attualità

Osimo

La fisarmonica di Castelfidardo è candidata a patrimonio Unesco

Il sindaco Roberto Ascani che, assieme all’assessore Ruben Cittadini, ha avviato il percorso per portare la fisarmonica agli onori che merita in quanto simbolo della città e della laboriosità cittadina

L'assessore alla Cultura Ruben Cittadini (a sinistra) e il sindaco Roberto Ascani a Roma
L'assessore alla Cultura Ruben Cittadini (a sinistra) e il sindaco Roberto Ascani a Roma

CASTELFIDARDO – «Siamo di ritorno dal Dipartimento di Storia antropologia religioni arte spettacolo, dove abbiamo incontrato il Comitato scientifico che seguirà il percorso per far diventare la fisarmonica patrimonio Unesco».

L’annuncio è arrivato direttamente dal sindaco di Castelfidardo Roberto Ascani che, assieme all’assessore Ruben Cittadini, si è portato a Roma ieri, 18 febbraio, per avviare il prestigioso percorso. Castelfidardo infatti vola alto per premiare il simbolo della città e della laboriosità dei suoi cittadini. Dopo questa fase conoscitiva, a marzo ci sarà il primo incontro a Castelfidardo e in quella occasione gli esperti potranno visitare la città ma soprattutto parlare con gli artigiani del distretto.

«Dalle prime indicazioni ci sono tutti gli elementi come l’artigianato, la musica, la formazione e l’archeologia industriale che potrebbero portare addirittura Castelfidardo fra le città creative Unesco», aggiunge Ascani.

Castelfidardo è città della musica e anche dell’Unità d’Italia. L’azione promozionale dell’assessorato alla Cultura proseguirà dal 7 al 9 marzo a Fermo con Tipicità: stand, esibizioni e un evento all’interno dello spazio dei sapori, riservandosi come sempre il ruolo di colonna sonora del Grand Tour delle Marche. Una vetrina nella quale verrà illustrato quanto già in linea di massima presentato alla BIT e all’Anci Lombardia, cui si è partecipato con interventi in musica, come naturale che fosse per la patria della fisarmonica.

Nel calendario del 2020 spicca l’arrivo tra poco meno di un mese della Tirreno-Adriatico con il suo carico di fascino sportivo e di iniziative collaterali; il 30 aprile si replicherà poi la partecipazione alla giornata mondiale del Jazz che ha avuto nel Jazz accordion festival del gennaio scorso un viatico di altissimo livello. Nel mese di maggio debutterà una versione innovativa del Folk festival nella connotazione di “Wow a pedali: dalle Marche alla Germania pedalando e cantando sulle strade della fisarmonica”:

«Un progetto video-documentato che ha il fine di unire la dimensione musicale con quella dell’avventura e del turismo eco-sostenibile, percorrendo in bici circa 80 chilometri al giorno compiendo varie tappe intermedie tra Castelfidardo e Klingenthal per presentare il recital per fisarmonica e pianoforte dal titolo “Il pentagramma a pedali”, che vede il coinvolgimento attivo del direttore artistico del Pif Renzo Ruggieri e del tenore Giacomo Medici», spiega l’assessore Cittadini.