Banco Marchigiano Risparmiolandia
Banco Marchigiano Risparmiolandia
Centro Pagina - cronaca e attualità

Osimo

Harley Davidson Route 76
Harley Davidson Route 76

Filottrano, una panchina bianca in memoria delle vittime della strada

Sarà posizionata accanto al murale Franky dedicato a Michele Scarponi, l’aquila di Filottrano, in via dell'Industria

FILOTTRANO – Domenica 20 novembre è la Giornata mondiale in memoria delle vittime della strada. Da Napoli è partita, poco più di un anno fa, l’iniziativa di installare una panchina bianca, presenza simbolica per diffondere ogni giorno la necessità di ricordare che ci sono troppi soggetti deboli in strada tra, pedoni, bambini, anziani, ciclisti che purtroppo pagano con la vita e con infortuni gravi il mancato rispetto delle regole a causa delle sistematiche violazioni del codice della strada. Proprio oggi alle 11.30 la panchina bianca arriva anche a Filottrano e sarà posizionata accanto al murale Franky dedicato a Michele Scarponi, l’aquila di Filottrano, in via dell’Industria. L’inaugurazione è promossa dalla Fondazione “Michele Scarponi”, dal Comune di Filottrano, dall’associazione “Manuel Biagiola” e da “Napoli pedala”. La panchina nasce da un’idea che punta a sensibilizzare la collettività sul tema della sicurezza stradale. In Italia la ricorrenza è celebrata ogni anno ed in seno al Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibile esiste un Piano Nazionale per la Sicurezza Stradale con l’obiettivo di individuare strategie, misure e azioni di maggiore efficacia da intraprendere per raggiungere l’obiettivo di dimezzare il numero di decessi sulle strade italiane. Nonostante questo la violenza stradale non si ferma.

Le parole di Marco Scarponi

«Le vittime di questa violenza ormai ultracentenaria, i loro familiari e i tanti feriti gravi di cui non si parla quasi mai, meritano una risposta. E la risposta deve essere continua, vera e a difesa di un valore condiviso, che non è la libertà di andare ovunque con la propria auto, ma la libertà di muoversi in sicurezza mettendo al centro della mobilità la persona», dice Marco Scarponi, segretario generale della Fondazione Michele Scarponi onlus.

Natale a Gradara