Centro Pagina - cronaca e attualità

Osimo

Osimo, inseguimento da film lungo la provinciale

Fermato un giovane che, guidando senza patente e con il veicolo sottoposto a sequestro, ha provocato un incidente. Multato e denunciato

La fine dell'inseguimento
La fine dell'inseguimento

OSIMO – Ieri pomeriggio, 21 marzo, attorno alle 17.30, una pattuglia della Polizia municipale si trovava ferma a Padiglione di Osimo, su via Jesi, per i consueti controlli. Il “police control” ha segnalato un veicolo privo di assicurazione e revisione. La polizia ha seguito il veicolo e intimato di fermarsi ma il conducente di tutta risposta ha accelerato e si è messo a zigzagare nel traffico che si stava intensificando per via dell’uscita dal lavoro. È scattato l’inseguimento raggiungendo velocità di 130 chilometri orari mentre attraversavano le frazioni di Padiglione e Campocavallo mettendo a rischio l’incolumità degli altri utenti della strada con manovre spericolate come sorpassi in curva senza visuale. Visto che il veicolo in fuga si stava dirigendo verso Castelfidardo la polizia ha informato la Centrale operativa che sarebbe uscita dal territorio per continuare l’inseguimento. In quel momento è partito il coordinamento con le centrali della Polizia locale e dei Carabinieri di Castelfidardo che hanno fatto convergere le rispettive pattuglie in zona seguendo le indicazioni che gli agenti osimani davano via radio per formare un posto di blocco che però non è stato necessario: il fuggitivo, lungo la provinciale 5 all’altezza del bivio per il Cerretano, ha perso il controllo del veicolo e si è schiantato contro un muretto rendendo la vettura inservibile.

A quel punto, mentre i colleghi della locale e i Carabinieri di Castelfidardo arrivavano sul posto, il conducente veniva fermato ed identificato per C.E., osimano di 32 anni con precedenti penali. Si era dato alla fuga perché stava guidando senza patente perché sospesa e il veicolo oltre a essere privo di assicurazione e di revisione non poteva circolare, era stato già sottoposto a sequestro. La macchina è stata sequestrata di nuovo per la confisca dalla Polizia locale di Castelfidardo che si è occupata di rilevare il sinistro. Il conducente è stato invece condotto al comando della Polizia Osimo dove gli sono stati elevati verbali per svariate migliaia di euro per tutte le infrazioni commesse. Il conducente sarà deferito all’autorità giudiziaria per resistenza a pubblico ufficiale per non essersi fermato all’alt ed aver costretto le forze dell’ordine a un inseguimento durato oltre dieci chilometri a velocità molto elevate.