Centro Pagina - cronaca e attualità

Osimo

Covid, Loreto proroga la chiusura delle aree pubbliche. Maxi controlli a Osimo

La città mariana va avanti da sola e decide di allungare di una settimana la serrata dei parchi, mentre Osimo ha raccolto i frutti dell'ordinanza contro la vendita di alcol e lo stazionamento in vigore da questo weekend

LORETO e OSIMO – C’è bisogno di mantenere la linea dura, sostiene l’amministrazione comunale di Loreto, che ha deciso di prorogare l’ordinanza che due settimane fa circa ha stabilito la chiusura di tutte le aree verdi pubbliche cittadine, che sarebbe scaduta ieri, domenica 28 febbraio, a domenica, la prima di marzo.

La maggior parte dei loretani ha ben accolto tale restrizione. Una decisione che è un unicum nella Valmusone, dove sembra che Osimo stia accarezzando la stessa idea ma a oggi non è stata presa alcuna decisione in merito. Parchi e piccole aree giochi sono stati spesso luogo di ritrovo per ragazzini e anziani che hanno inevitabilmente creato assembramenti. Da lì la decisione drastica.

I controlli “schierati” in centro a Osimo

Buono l’esito dell’ordinanza a Osimo contro la vendita di alcol e lo stazionamento sabato (il primo il 27 febbraio appunto) e domenica: il centro era deserto e le forze dell’ordine sul posto non hanno comminato alcuna multa. «L’azione è stata mirata al centro storico perché la situazione era divenuta insostenibile – afferma il sindaco Simone Pugnaloni -. Noi sindaci cerchiamo di lavorare in sinergia, lo stesso deve fare ogni cittadino con il suo vicino. Dispiace ma per ora occorrono misure drastiche. Ad Osimo abbiamo iniziato la linea dura con ottimi risultati in centro storico».

L’assessore alla Polizia Federica Gatto aggiunge: «La situazione purtroppo richiede misure più stringenti. Nelle ultime settimane il centro storico è stato preso d’assedio durante il weekend, da parte tutti, giovani e meno giovani, dimostrando una sottovalutazione della condizione pandemica. Si è dunque deciso di adottare l’ordinanza, uno strumento che permette un controllo più rigoroso da parte delle forze dell’ordine, che stanno già attuando un presidio puntuale dell’intero territorio comunale. Un particolare ringraziamento ai volontari delle associazioni di Protezione civile che sono presenti per monitorare l’area del centro storico avvisando immediatamente le forze di polizia in caso di necessità».