Centro Pagina - cronaca e attualità

Osimo

Covid, coniugi osimani muoiono a poche ore di distanza

Osimo è sconvolta per la morte della coppia di anziani 79enni, da sempre insieme, strappati alla vita dal maledetto virus. Erano ricoverati all'ospedale di Torrette

Torrette

OSIMO – Il Covid-19 li ha strappati all’affetto l’uno dell’altro, delle figlie e dei cari che li hanno vegliati fino all’ultimo. Se ne sono andati all’ospedale di Torrette domenica (28 febbraio) e ieri mattina (primo marzo), a pochissime ore di distanza, Maria Antonietta Cappannari e Oreste Gatti, coniugi osimani di 79 anni.

«Carissimi mamma e babbo, ci avete lasciato ora con questo immenso vuoto da colmare – hanno scritto le figlie Alessandra e Federica -. Sposi, genitori e nonni esemplari. Vi piangono assieme a noi i vostri generi, i nipoti, i parenti e gli amici che vi hanno voluto bene». La città di Osimo è in choc per la morte della coppia di pensionati e sta facendo arrivare, seppur a distanza, tutto il proprio sostegno alla famiglia che ha dovuto fare i conti con il contagio da vicino. Stanno bene ora ma i cari Maria Antonietta e Oreste non ci sono più. Hanno combattuto fino alla fine ma il virus non ha lasciato scampo a moglie e marito. Una famiglia conosciuta in città, attiva nel mondo del volontariato, adesso è stravolta dal dolore. La morte ravvicinata, veloce in quelle sale d’ospedale che non permettono ai familiari di avvicinarsi, ha reso ancor più amaro il distacco dai propri cari ammalati e inermi. «Ho combattuto la buona battaglia, ho terminato la mia corsa, ho conservato la fede”, è una frase di San Paolo che le figlie hanno dedicato alla vita dei genitori. I funerali si terranno in forma privata per evitare ogni possibile contagio da Covid-19. Una decisione obbligata in condizioni simili. Le salme riposeranno nella cappella di famiglia al cimitero Maggiore di Osimo.

C’è stato anche un altro decesso per Covid a Osimo in queste ore, è avvenuto alla Fondazione Recanatesi, la casa di riposo che da diverse settimane sta combattendo contro un focolaio importante. La situazione comunque sta migliorando nella struttura, non si sono verificati nuovi casi e a oggi gli ospiti positivi sono 31. Quasi tutto il personale è rientrato al lavoro. La situazione sembra essere sotto controllo dopo il momento critico.