Centro Pagina - cronaca e attualità

Osimo

Coronavirus, il pellegrinaggio Macerata-Loreto verso un’edizione diversa

In programma il 13 giugno l'edizione 2020 del famoso cammino, la numero 42, ma di fatto sarà difficile che si organizzi nei modi consueti. La parola al comitato organizzatore

Fedeli arrivati a Loreto dopo il pellegrinaggio
Fedeli arrivati a Loreto dopo il pellegrinaggio (foto d'archivio)

LORETO – Il pellegrinaggio Macerata-Loreto, la cui 42esima edizione formalmente è ancora in programma per sabato 13 giugno, difficilmente si farà nei modi in cui si è sempre realizzato. Il comitato organizzatore in questi giorni ha ricevuto decine di messaggi e così ha deciso di rispondere con una lettera indirizzata a tutti i pellegrini, passati e futuri.

«Questa rinnovata apertura alla realtà che cosa ci chiede? Benché l’andamento della situazione sia imprevedibile, sembra poco realistico pensare che per giugno tutto potrà essere come prima e, comunque, ci sembra sconsigliabile un assembramento così imponente di persone e poco ragionevole chiedere l’impegno dell’assistenza sanitaria e delle forze dell’ordine. Questo non ci impedisce di metterci in cammino e di scoprire la pertinenza del tema che abbiamo scelto: “Mi sono scoperto all’improvviso un bisogno di impossibile” – dicono gli amici del Comitato -. Il pellegrinaggio è ora. Da qui alcune proposte: mantenere un legame tra di noi e con i responsabili dei gruppi che ogni anno organizzano i pullman, utilizzando anche ogni mezzo che la tecnologia rende possibile, raccogliere e inviare intenzioni di preghiera (è una delle ricchezze del pellegrinaggio) e vedremo poi insieme in quale modalità potremo offrirle alla Madonna di Loreto e recitare l’Angelus ogni giorno al risveglio».

In ogni caso si attendono disposizioni che coniughino l’esigenza dello stare insieme alle norme dell’emergenza prevista tra la fase 2 e la 3.