Castelfidardo, uno spettacolo per riscoprire l’Italia risorgimentale

Presto sarà messo in scena uno spettacolo dal titolo provvisorio “L’Italia chiamò”, un progetto sulla battaglia di cui è promotrice la città della fisarmonica. Definito il cast e la drammaturgia

Tracce di Ottocento

CASTELFIDARDO – Sull’evento bellico del 18 settembre 1860 per l’Unità d’Italia, che ha avuto luogo alla Selva di Castelfidardo, sul ruolo delle popolazioni e dei luoghi marchigiani che ha toccato inevitabilmente, non si è ancora scritto e ricercato abbastanza. Partendo dai Comuni di Castelfidardo, Osimo, Recanati, Porto Recanati, Loreto, Numana, Camerano, Sirolo ed Ancona, dove piemontesi e pontifici si sono scontrati, con l’intenzione di mettere in rete i saperi e il patrimonio culturale, si è costituito un comitato di ricercatori qualificato nel Comune di Castelfidardo e alla Fondazione Ferretti. Presto sarà messo in scena uno spettacolo dal titolo provvisorio “L’Italia chiamò”, un progetto sulla battaglia di cui è promotrice la città della fisarmonica.

Definito il cast e la drammaturgia, lo spettacolo teatrale sulla battaglia di Castelfidardo finanziato dalla legge Regionale 5 del 2010 per la valorizzazione dei luoghi risorgimentali, promosso dall’Amministrazione Comunale che si è avvalsa della consulenza storica e scientifica di Tracce di Ottocento, Italia Nostra, Fondazione Ferretti e del supporto tecnico della Guasco film, vivrà la sua “prima” a fine ottobre per la regia di Victor Carlo Vitale.