Centro Pagina - cronaca e attualità

Osimo

Castelfidardo, svolti in Romania i funerali del 40enne investito

L’uomo, 40 anni, era stato investito da un suv in via Jesina a Castelfidardo, la città che l’aveva ospitato, a pochi passi da casa, lasciando sgomenti i genitori e i suoi quattro fratelli nel suo Paese natale

Il luogo dell'incidente
Il luogo dell'incidente

CASTELFIDARDO – I funerali si sono svolti ieri, 26 novembre, a Dorohoi, la sua città natale, in Romania. L’uomo, 40 anni, è stato investito da un suv mercoledì 17 in via Jesina a Castelfidardo, la città che l’aveva ospitato, a pochi passi da casa, lasciando sgomenti i genitori e i suoi quattro fratelli nel suo Paese natale. La Procura di Ancora adesso procede per omicidio stradale nei confronti del conducente della macchina, un 44enne cinese. La vittima, che si era trasferita in Italia per lavoro da tanti anni (in passato aveva lavorato anche per l’azienda Garofoli), poco prima delle 14 stava percorrendo la provinciale 3 Jesina in prossimità dell’incrocio con via Concole quando, pare, attraversando la strada, è stato preso dalla Fiat Freemont condotta dallo straniero, residente a Loreto.

Il procedimento

Il pm Marco Pucilli ha aperto un procedimento penale indagando il conducente della vettura e ha disposto l’autopsia sulla salma della vittima che è stata effettuata due giorni dopo (il 19) all’obitorio dell’ospedale di Torrette. Una volta ultimato l’esame l’autorità giudiziaria ha dato il nulla osta e si sono potute avviare le procedure per il rimpatrio. I suoi cari, attraverso il consulente legale Andrea Polverini, si sono affidati a Studio3A-Valore, società specializzata a livello nazionale nel risarcimento danni e nella tutela dei diritti dei cittadini, che si è fatto carico di gestire il rimpatrio della salma e che si è subito attivata per acquisire tutta la documentazione disponibile sul sinistro per fare chiarezza sulla dinamica.