Centro Pagina - cronaca e attualità

Osimo

Castelfidardo, scoperta la stele in memoria di Caterina Governatori

Un’ampia platea di autorità, amici, rappresentanti delle associazioni di volontariato, tra cui Aido, Avis, Ato, e del Centro regionale Trapianti ha vissuto le emozioni di una giornata speciale, densa di significati

La stele dedicata a Caterina Governatori a Castelfidardo
La stele dedicata a Caterina Governatori a Castelfidardo

CASTELFIDARDO – E’ stata una cerimonia sentita quella di inaugurazione della stele in memoria di Caterina Governatori posta nelle immediate adiacenze della scuola materna Crocette domenica 8 maggio. Un simbolo che esalta la cultura della donazione, l’importanza di un gesto che nasce nel momento del più profondo dolore trasformandosi in fonte di gioia e nuova speranza. Un’ampia platea di autorità, amici, rappresentanti delle associazioni di volontariato, tra cui Aido, Avis, Ato, e del Centro regionale Trapianti ha vissuto le emozioni di una giornata speciale, densa di significati.

Le parole del papà di Caterina e del sindaco

«Quest’opera vuole promuovere il messaggio della donazione e ci dà la forza per andare avanti», ha detto commosso papà Giordano, ringraziando tutti coloro che hanno collaborato. «Oggi Caterina sarebbe orgogliosa di voi», ha sottolineato il sindaco Roberto Ascani, rimarcando come la collocazione nei pressi di una scuola frequentata da tanti giovani non sia affatto casuale.

L’opera

Realizzata in acciaio corten e bronzo, come spiegato dallo scultore Renzo Romagnoli, è composta da due elementi raffiguranti la linea della vita che pur interrompendosi si congiunge ad altre cinque esistenze che grazie ad essa continuano. Come è avvenuto cinque anni fa. Nella parte alta, il ritratto di Caterina è fuso nel bronzo, materiale nobile che rispecchia l’animo della giovane fidardense e della sua famiglia.

Il Centro Trapianti

Dalla dottoressa Francesca De Pace, coordinatrice del Centro regionale Trapianti, l’invito a sostenere la scienza attraverso la scelta consapevole del “Sì” senza delegarla alle famiglie nel momento più doloroso. Un sì alla donazione di organi e tessuti che, come ricordato da Marco Pantalone, presidente della locale sezione Aido, può essere espresso semplicemente al momento del rinnovo della carta di identità o attraverso la piattaforma DigitalAido. «Le opposizioni sono spesso frutto di pregiudizio e ignoranza – ha rimarcato l’Ato Marche – sostenendo l’etica del riconoscimento per diffondere l’idea di donare per amore». Da don Lanfranco, che ha invitato a celebrare la vita e ad essere compatibili ogni giorno gli uni con gli altri, dall’insegnante del “Meucci” che ha ricordato come Caterina fosse dono per gli altri già da studentessa, e dalla mamma di Ilaria, che ne ha ricevuto i polmoni, le testimonianze più toccanti.